Il terzo appuntamento iridato della classe cadetta si terrà questo fine settimana sul circuito di Brno, in Repubblica Ceca, e come sempre è atteso grande spettacolo. Dopo il dominio avuto nel secondo GP di Jerez, con pole position e vittoria, sarà Tatsuki Suzuki (SIC58 Squadra Corse) ad avere il mirino puntato addosso, anche perché dopo l’ultima ottima prestazione il “giappo-riccionese” è arrivato a meno sei dal capoclassifica.

Gli avversari diretti


Albert Arenas (Solunion Aspar Team Moto3) infatti, il terzo GP dell’anno l’ha finito nella ghiaia, dopo aver firmato una bella doppietta, e quindi sarà concentrato a recuperare su una pista dove finora non è mai stato né veloce né incisivo. Lo spagnolo è chiamato a non mollare il gruppo di testa e dovrà guardarsi le spalle anche da Ai Ogura (Honda Team Asia), che a Jerez è stato coinvolto in un incidente ma che fino a quel momento era stata una presenza costante sul podio. Ma anche da John McPhee (Petronas Sprinta Racing), terzo nell'iridata a solo dieci punti dal leader e Gabriel Rodrigo (Kömmerling Gresini Moto3) che è sempre nel gruppo che conta.

Gli italiani


Se guardiamo la classifica iridata i nostri connazionali sono indietro: il primo che troviamo è Celestino Vietti (Sky VR46 Racing Team), sesto, dopo l’ottimo podio conquistato nel GP d’Andalusia, e Tony Arbolino (Rivacold Snipers Team) lo segue in ottava posizione, sottotono domenica scorsa. Il pilota di Garbagnate Milanese lo scorso anno chiudeva il GP di Brno a podio e proverà a stare davanti per recuperare terreno nella classifica iridata: il titolo è alla sua portata.
In ottima forma è anche Roman Fenati, autore di una grande rimonta a Jerez, che punterà a regalare al Max Racing Team il primo podio stagionale, con Husqvarna. E non dimentichiamoci poi neanche di Andrea Migno, che finora si è mostrato competitivo, senza però riuscire a concretizzare in gara.

MotoGP, Ezpeleta: "La stagione 2020 è apertissima"