E’ lo scozzese John McPhee il vincitore del primo dei due appuntamenti della Moto3 sul tracciato di Misano. Il pilota del team Petronas ha compiuto una grande rimonta dalla 17^ posizione arrivando a prendersi la vittoria con un sorpasso intelligente all’ultima curva e battendo in volata Ogura, l’altro contender per il campionato. 

Il clamoroso colpo di scena è la caduta del leader di classifica Arenas a due giri dalla fine. Grazie allo zero dello spagnolo, Ogura riduce a 5 i punti di distacco dal leader con McPhee distante una decina di punti scarsi.

MotoGP, Misano: Bradl come in F1 con le comunicazioni via radio

La gara


Come sempre le gare della Moto3 sono da vivere con il fiato sospeso dal primo all’ultimo giro per la quantità di sorpassi e carenate che si tirano. L’inizio è col botto in tutti i sensi: cadono Vietti, Fernandez e Garcia in un contatto multiplo subito al primo giro che taglia dai protagonisti Celestino.

Gara caratterizzata da continui cambi al vertice e chi riesce a fare un minimo di strappo viene subito riassorbito dal gruppo. E’ il caso questo di Masia che quando prova a scappare approfittando delle varie scaramucce tra tutti, viene ripreso e passato da Suzuki. Suzuki tra l’altro autore di una grandissima prova, chiusa con la terza posizione finale e con un paio di sorpassi capolavoro. 

Non sono mancate le carenate, date e ricevute: Arenas ne ha date un paio a Suzuki e Rodrigo chiedendo poi scusa ad entrambi i piloti.

C’è stato anche un momento da brivido con la caduta di Darryn Binder, in uscita da curva 6. La moto del sudafricano è rimasta un po’ in traiettoria con Foggia bravo ad evitarla. Il pilota del team Leopard però ha dovuto chiudere il gas perdendo posizioni, riuscendo poi a recuperare e chiudere nono dietro a Fenati. Caduto anche Sasaki mentre era nel gruppo degli inseguitori, centrato da Lopez. 

A due giri dalla fine il colpo di scena che non ti aspetti: Arenas, in piena lotta per il podio, cade all’ingresso delle Rio. Il pilota spagnolo del team Aspar si lamenta per un presunto tocco di un altro pilota ma dal replay si vede solo la caduta solitaria del leader di classifica. Grazie a questo zero, McPhee ed Ogura possono recuperare terreno.

Ultimo giro


L’ultimo giro di gara è da antologia. McPhee, prima della staccata della Quercia, si porta al comando seguito da Rodrigo e Masia con i due giapponesi Ogura e Suzuki alle loro spalle. Ogura e Tatsu, liberandosi di Rodrigo e Masia, si portando sulla coda dello scozzese per un arrivo in volata a tre. La volata premia McPhee che si prende la terza vittoria in carriera per 32 millesimi su Ogura e 2 decimi su Suzuki.

Segue Alcoba davanti al compagno di squadra Rodrigo, Arbolino, migliore degli italiani, Masia, Fenati, Foggia, Migno a chiudere la top 10. Antonelli fuori dai 10 dopo aver rimontato e sembrava in grado di risalire nella lotta per il podio ma gli è mancato lo spunto finale. Yamanaka, Rossi, Nepa e Tatay chiudono i piloti a punti.

Moto3 Misano: Ogura in pole, Migno quarto davanti a Fenati