Deciso a rifarsi dallo zero di settimana scorsa, dovuto da un errore di manovra di Sergio Garcia, Celestino Vietti Ramus ha firmato nel terzo turno di prove libere della classe cadetta il nuovo record della pista di Misano in 1’41.115 rifilando quasi quattro decimi al suo primo inseguitore, un Ai Ogura veramente in ottima forma. L’italiano sarà un duro avversario in questo secondo Gran Premio in Italia e lo mettiamo nella rosa dei favoriti.

Affari iridati


Tra questi non può neanche mancare il giapponese che dopo il secondo posto di domenica scorsa pare essere una vera minaccia in campionato per Albert Arenas, ancora leader ma che non potrà più sbagliare. Lo spagnolo ha firmato il sesto posto nella classifica combinata dei tempi a mezzo secondo di ritardo dalla vetta. Il terzo posto parla italiano con un ottimo Romano Fenati, che per la prima volta si fa vedere nelle posizioni che contano e che si assicura così il passaggio diretto alla Q2.

Arbolino in Q1


Anche Jaume Masia e Raul Fernandez si sono mostrati competitivi a Misano, ottenendo rispettivamente il quarto e il quinto miglior tempo, con Dennis Foggia che è settimo. Nono Andrea Migno, seguito da Tatsuki Suzuki della SIC58 Squadra Corse, mentre Tony Arbolino, che ha scontato una penalità ricevuta dal Gp precedente è solo 22esimo e passerà dalla Q1. Così come John McPhee, che è solo 15esimo dopo la vittoria di una settimana fa.

Moto3 Misano, McPhee vince e riapre il campionato