Romano Fenati torna alla vittoria e lo fa a Misano guidando la moto del team di Max Biaggi. Una vittoria super meritata per il pilota di Ascoli Piceno che è andato a vincere davanti a Celestino Vietti dello Sky Racing team VR46.
Una bellissima doppietta italiana, la prima per la Moto3 a Misano decisa all'ultimo giro con Albert Arenas e Ai Ogura che hanno duellato con i due azzurri fino al traguardo.

Doppietta azzurra

Non vinceva dal GP d'Austria del 2019 ma con costanza e grazie all'appoggio del Max Racing team Fenati è tornato sul gradino più alto del podio: “E' un'emozione speciale qui in Italia - ha detto al parco chiuso - la gara scorsa abbiamo avuto qualche problema ma questa volta avevo più fiducia nel freno anteriore. La verità è che non è facile superare, ma spero che tutti andranno più piano la prossima gara perchè io sono vecchio (scherza)”.

Il pilota ascolano è arrivato davanti ad un fortissimo Celestino Vietti Ramus che è riuscito a rimanere in testa al gruppone per tutta la gara per poi cedere sul finale dopo un contatto con Jaume Masia.

In ogni caso il pilota dello Sky Racing team VR46 è felice per il secondo posto:” Sono molto contento – ha spiegato - perchè la settimana scorsa abbiamo avuto sfortuna e non siamo riusciti a fare una buona gara. Oggi invece è stata ottima e sono contento per questo”.

La top ten


Alle spalle dei due italiani si è piazzato il giapponese del team Asia Ai Ogura che è riuscito a tagliare il traguardo prima di Albert Arenas: lo spagnolo continua a detenere la leadership del Mondiale ma adesso il suo vantaggio è di soli 3 punti sul giapponese.

In quinta posizione si è piazzato invece Jaume Masia (team Leopard) che ha chiuso davanti al poleman Raul Fernadez e a Deniz Oncu.

Andrea Migno, invece, nonostante scattasse dalla terza posizione in griglia, è riuscito ad arrivare ottavo piazzandosi davanti a Kaito Toba e John McPhee.

MotoE GP Emilia Romagna: Ferrari si impone in Gara 2 e torna leader del campionato

Gli italiani all'arrivo


Per quanto riguarda gli altri italiani all'arrivo, spicca l'undicesima piazza di Tony Arbolino che dopo una partenza al top (era secondo), ha tirato i remi in barca chiudendo undicesimo, il quindicesimo posto di Stefano Nepa, il diciottesimo di Niccolò Antonelli, il ventunesimo di Riccardo Rossi e il ventiseiesimo di Davide Pizzoli che ha dovuto scontare un doppio long lap penalty per partenza anticipata.

Fuori dai giochi, invece, Dennis Foggia caduto alla curva 5.

La classifica


MotoGP Emilia Romagna, Rossi: “Potevo fare meglio in qualifica, ma il passo c'è”