Il circuito di Montmelò, nei pressi di Barcellona, ha ospitato il nono appuntamento stagionale della classe cadetta e se Albert Arenas era partito con l’obiettivo di allungare in campionato, si è trovato a rotolare nella ghiaia per l’errore di un altro pilota, anche lui pretendente al titolo. La tappa catalana è stata invece positiva per i nostri connazionali, con Arbolino e Foggia che sono tornati sul podio.

Darryn Binder, 10

Finalmente ce l’ha fatta. Alla sua sesta stagione iridata in Moto3 il sudafricano è riuscito a mettere la sua firma su una gara e a Montmelò ha avuto quello scatto in più che gli ha permesso di farlo. Proprio nel fine settimana in cui è stata resa nota la notizia che dal prossimo anno vestirà i colori del team Petronas. Bel colpo!

Tony Arbolino, 9

È partito con l’obiettivo di dominare la corsa, ma in una classe come questa è quasi impossibile scappare. Dopo essersi nascosto, sul finale l'italiano è poi uscito e ha ottenuto un secondo posto importante, per il campionato e per il morale. Ora è quarto, il titolo è anche roba sua.

Dennis Foggia, 9

Dopo aver assaggiato la vittoria a Brno, il romano è tornato sul podio in Catalogna, ringraziando subito così la squadra per il rinnovo del prossimo anno. "The Rocket" sta lavorando bene, le basi ci sono per poter fare bene davvero. Questo potrebbe essere solo l'inizio.

Ai Ogura, 4

Nel giorno in cui il suo rivale diretto al titolo è stato messo fuori gioco, il giapponese non è riuscito ad approfittarne. Ogura è rimasto incastrato nel gruppo e ha chiuso solo undicesimo, ma si è preso la vetta della classifica, anche se per soli 3 punti. 

Albert Arenas, NC

Aveva iniziato la gara con il piede giusto, avrebbe potuto finire davanti e allungare il campionato, ma quando il destino si mette di traverso non puoi farci nulla. Lo spagnolo è stato travolto da McPhee e addio la possibilità di ben figurare sulla pista di "casa". A meno tre in campionato, a Le Mans non sono concessi errori.

JohnMcPhee, 4

E' terzo in campionato, ma gli ultimi risultati sono al di sotto delle aspettative e domenica scorsa ha buttato al vento una buona occasione. Ora sono 24 i punti da recuperare, se vuole il titolo deve tornare sulla retta via. Serve costanza per fare la differenza.

MotoGP, "suicidio" Ducati a Barcellona, ne approfitta Quartararo