E' stata una gara entusiasmante dove in ballo c'era non soltanto il podio della domenica, ma anche il titolo iridato della classe Moto3. A vincerlo, nonostante il 12esimo posto all'arrivo, è stato Albert Arenas con Tony Arbolino che si è aggiudicato il posto di Vice campione del mondo.

Di seguito le pagelle di una gara molto avvincente e ricca di colpi di scena.

Raul Fernandez - 10

E' stato il vincitore della gara e non solo: in questa stagione 2020 è stato l'unico pilota Moto3 a dimostrare che le corse nella classe cadetta si possono vincere anche con distacco senza essere favoriti dalle scie.

Albert Arenas - 9

Alla fine la gara di Portimao non è andata secondo le aspettative, ma il pilota del team Aspar è riuscito comunque a vincere il titolo iridato. Bravo contando anche i 4 “zeri” di questa stagione. Si merita un “9”, quindi, non per la gara portoghese ma per aver ottenuto il titolo in una categoria molto difficile.

Dennis Foggia - 9

Il pilota Leopard è stato fautore di una corsa straordinaria che ha dell'inverosimile: durante la gara, infatti, ha dovuto scontare due long lap penalty ma nonostante questo, e nonostante le posizioni perse, è riuscito a recuperare il gap fino ad arrivare secondo sotto la bandiera a scacchi. Questo bel risultato fa ben sperare in vista del 2021.

Jeremy Alcoba - 8

Alla sua prima stagione da rookie, Alcoba è riuscito a chiudere con un podio ottenendo il terzo posto in gara. Portimao è stata per lui una pista “amica” visto che anche in qualifica aveva ottenuto un ottimo piazzamento. Sicuramente sarà un pilota da tenere d'occhio nella prossima stagione.

Tony Arbolino - 8

La gara di Tony è stata molto bella: scattato 27esimo è riuscito a chiudere quinto lasciandosi alle spalle anche i suoi diretti avversari, Arenas e Ogura. Il risultato non è bastato però a Tony per vincere il titolo ed è andato a chiudere a -4 punti da Arenas. Il posto di Vice Campione è comunque un gran risultato: Tony ha pagato senza dubbio l'assenza forzata nella prima gara di Aragon ma c'è da dire che anche la pessima qualifica nel sabato di Portimao non lo abbia facilitato.

Celestino Vietti - 7

Il pilota Sky Racing team VR46 ha chiuso la sua gara al settimo posto e merita un bel “7” dopo la “batosta” ottenuta nelle due gare precedenti: in lotta per il titolo era incappato in due cadute, ma ha saputo rialzarsi e tornare subito competitivo. Dispiace perchè sarebbe stato bello vederlo fino alla fine in lotta con gli avversari. Nel 2021 salirà in Moto2 e per lui si aprirà un altro capitolo.

Ai Ogura - 6

Il giapponese in questa stagione ha avuto momenti di alti e bassi e in più occasioni ha dimostrato di non avere la giusta concentrazione per poter lottare per il titolo. Il suo voto quindi non è solo per la gara di Portimao ma per l'intero Campionato.

Niccolò Antonelli - 6

La tigre di Cattolica nell'ultima gara della stagione ha provato a far sentire la sua voce, ma alla fine la sua corsa si è conclusa con l'11esimo piazzamento. Antonelli merita comunque la sufficienza perchè nonostante una stagione davvero difficile non si è mai arreso.

Andrea Migno - 5

Ennesima gara in difficoltà per il pilota dello Sky Racing team VR46. Andrea è arrivato 21esimo e anche a Portimao ha dimostrato di non avere feeling con la sua Ktm. Dal prossimo anno guiderà la Honda del team Snipers e chissà se i risultati si faranno più concreti.

MotoGP, Casey Stoner: “La mia malattia mi sta distruggendo”