Oggi, venerdì 15 gennaio, festeggia 25 anni Romano Fenati, il pilota più vincente della Moto3 con 12 successi (qui la nostra esclusiva intervista) nonché vice-campione del mondo del 2017, al momento la sua annata migliore. Ma il 2021 è ormai alle porte e con il Max Racing Team con cui corre dall’anno scorso, l’obiettivo è ovviamente il più ambizioso.

In questi nove anni di Mondiale, l’ascolano ha senza dubbio fatto parlare di sé e quest’anno affronterà la sua nona stagione in Moto3 con il chiaro obiettivo di inserire la sua firma nei libri di storia del motociclismo. Ed effettivamente i presupposti ci sono tutti. A partire dal bel sodalizio in corso con il team che fa capo a Max Biaggi, con cui ha già lavorato nella passata stagione e che sembra proprio funzionare nel migliore dei modi.

Moto3, GP Emilia Romagna: è doppietta italiana con Fenati e Vietti

Il sogno di Misano


Non a caso anche nel 2020 è riuscito a vincere una gara, anzi a stravincerla, facendo una magia delle sue. Sorprendendo tutti con una serie di sorpassi all’interno che gli ha consentito di recuperare posizioni proprio sul finale, con una prestazione superlativa e il meritato successo, arrivato proprio sull’unica pista di casa della stagione.

Una soddisfazione grande per lui, che arrivava dall’ottavo posto della gara precedente, un successo per Husqvarna che ha conquistato così il suo primo centro in Moto3. “Lo aspettavamo da tempo: è tornato” aveva dichiarato quel giorno il “Corsaro”.

Significato più profondo


Quella però non è stata solo una vittoria a sé. No, ha rappresentato molto, molto di più. È stato il ritorno al successo di uno dei talenti italiani più brillanti del panorama motociclistico, ha messo in mostra il suo rinnovato equilibro, la sua grande maturità personale e la crescita da pilota nella giusta direzione.

Ha dimostrato in qualche modo di essere tornato, di esserci riuscito, e in questo 2021 sarà atteso là davanti per riportare in Italia il titolo di Moto3. Per ora, tanti auguri Romano!

Dalla super impennata di Biaggi al dominio Rossi: Brno ci mancherai