Se guardiamo la classifica finale 2020 della Moto3 troviamo Dennis Foggia solo in decima posizione, ma se andiamo ad analizzare meglio la sua stagione c’è stata senza dubbio una crescita notevole. Dopo aver vestito nel 2018 e 2019 i colori dello Sky Racing Team VR46 alla guida di una KTM, l’anno scorso ha cambiato ambiente, unendosi al Leopard Racing Team, e anche moto, passando alla Honda, cambiamento che ha richiesto un po’ di tempo.

Intervistato da AutoMotoriNews il romano ha dichiarato: “Quella del 2020 è stata la mia stagione migliore, nonostante cadute, incidenti e sfortune che ho avuto.  Ma sono contento, perché quest’anno possiamo fare davvero molto bene”. Ora infatti con la Honda ha buone sensazioni: “Sono migliorato tanto nella guida, ma ho avuto bisogno di un po’ di tempo nell’adattarmi alla nuova moto e anche nell’instaurare il rapporto con il nuovo team”.

Moto3: la classe minore pesca da CEV e Rookies Cup per l'entry list 2021

"Nessuna pressione"


Dopo un anno di studio e apprendimento nel team campione del mondo di Moto3, ora le aspettative sul suo conto sono alte, ma dice: “Non sento la pressione. Sono carico per quest’anno. Dobbiamo lottare per vincere il Mondiale. Punto a lottare per il podio in tutte le gare”.

In attesa che inizi il campionato si dedica all’allenamento e alle sue passioni: “Mi piacciono molto i kart e ci vado con i miei amici. Poi gioco alla playstation, guardo qualche serie TV e mi piacciono molto i cani”. E sul suo soprannome The Rocket ha spiegato: “Nasce da quando ero piccolo. Mi chiamavano “missiletto” per il mio stile di guida molto rapido. Negli anni l’abbiamo modernizzato e tradotto in inglese, così mi piace di più”.

Moto3, va rivisto il format delle qualifiche