Prima di partire per il Qatar il team che porta il nome di Gresini nella classe cadetta ha svolto un test sul circuito di Portimao, per continuare il lavoro in programma iniziato a Valencia. Sia Jeremy Alcoba sia Gabriel Rodrigo lasciano il Portogallo soddisfatti di quanto fatto e impazienti ora di misurarsi con gli avversari nel test ufficiale che avrà luogo sul circuito di Losail dal 19 al 21 marzo.

Rodrigo sorride


È stato un Rodrigo con buonissime sensazioni quello visto a Portimao, in particolare con gomma usata e in assetto da gara. L’argentino come a Valencia si è fatto trovare in grande forma e dopo aver messo a segno 84 giri ha trovato il miglior tempo nell’1’48.5. L’argentino ha spiegato: “Questo di Portimao è un circuito molto esigente per guida e messa a punto. Mi sono sentito subito a mio agio anche se quando tirava il vento ho preferito non rischiare viste le tante cadute in pista”.
Nel dettaglio ha aggiunto: “Con gomme usate ho avuto un ritmo molto veloce, che non mi aspettavo, in 1’49 basso. Nel time attack con gomma nuova oggi non siamo stati fortunati, frenati da una bandiera rossa, ma in generale sono molto soddisfatto del lavoro e credo che siamo già pronti per il Qatar”.

 

Crono competitivo


Un lavoro diverso è quello che ha portato a termine Jeremy Alcoba, che sulla pista portoghese aveva conquistato pochi mesi fa il primo podio mondiale della sua carriera. Lo spagnolo ha siglato 110 giri ma ammette che il primo giorno non è stato dei migliori:Non siamo stati brillantissimi con tante idee e poche soluzioni e soprattutto con la tuta che non mi andava bene. Abbiamo toccato la moto tantissimo, senza trovare la luce”.

Il giorno dopo ha ritrovato il giusto feeling, fermando il cronometro sull1’.48.5: “Siamo migliorati leggermente anche se con le gomme usate abbiamo faticato abbastanza. Quando è arrivata la tuta nuova e abbiamo fatto una modifica, è cambiato tutto. E solo concentrandomi sulla guida siamo migliorati giro dopo giro e con un ritmo ottimo. Credo che da qui inizi la nostra stagione”.

Fausto Gresini, il figlio Lorenzo: "Per me hai vinto"