E' stata una prima giornata all'insegna degli attacchi al tempo quella che si è consumata in Qatar per la classe Moto3. I test, che si protrarranno anche nella giornata di domani e domenica, hanno visto i piloti della categoria cadetta alternarsi con quelli della Moto2. Per tutti un “riscaldamento” importante in vista della prima gara dell'anno, ma per alcuni anche un modo per adattarsi alle nuove moto e ai nuovi Team. Su tutti, il più veloce della giornata è stato il sudafricano Darryn Binder con un tempo di 2:05.750.

Per Binder da subito un grande adattamento


E' stata una prima giornata molto interessante quella che ha coinvolto i piloti della Moto3 nella prima giornata di test in Qatar. In tutto, ci sono stati tre turni di prove a partire da questa mattina quando in Italia erano le 7:40. Se il più veloce di questa prima giornata è stato Darryn Binder, da quest'anno al Team Petronas, e che quindi sta dimostrando da subito un ottimo adattamento, non è stato da meno il veterano e compagno di Team John McPhee, secondo a +0,026. Al terzo posto, ha fatto invece il suo exploit Filip Salac a +0,040 rimasto al Team Snipers in sella alla Honda.

Quattro italiani in top ten


Ma ad interessarci, sono soprattutto i piloti italiani che non hanno deluso le aspettative: tra i nomi in top ten Dennis Foggia, Andrea Migno, Romano Fenati e Niccolò Antonelli. Il “leopardo” Foggia, che già era stato una scheggia nei test di Jerez, è riuscito a chiudere questa prima giornata con un quarto miglior tempo fatto registrare a +0,042 dalla vetta, mentre Andrea Migno, da quest'anno al Team Snipers, ha portato a casa il settimo miglior tempo (+0,276) dietro a Gabriel Rodrigo e Jaume Masia. Per Migno, che dopo molti anni in Ktm è passato ad una Honda, sembra proprio che si tratti di una “rinascita”, anche se è troppo presto per cantare vittoria. Ci sarà infatti da aspettare la fine di questi test per capire se il pilota di Cattolica potrà essere in lotta per il titolo in questo 2021.

A girare velocissimi sono stati poi Romano Fenati, ottavo a +0,325 e Niccolò Antonelli decimo a +0,621 che è andato a chiudere alla spalle di Izan Guevara. Anche per Niccolò, l'adattamento con la Ktm dopo la Honda del Team Sic58, sembra sia stato repentino. Più indietro in classifica, invece, Riccardo Rossi quattordicesimo e Stefano Nepa diciottesimo.

Moto3, tegola per il Sic58: Suzuki è positivo al Covid-19