Non sarà stata la gara perfetta quella di Niccolò Antonelli in Qatar, ma la “tigre” di Cattolica è riuscita a chiudere il GP del Qatar con il sesto posto al suo esordio con il Team Avintia Moto3. A conquistare il podio sono stati, nell'ordine, Jaume Masia, Pedro Acosta e Darryn Binder, con Antonelli che è stato il primo tra gli italiani a tagliare il traguardo.

Moto3 GP Qatar, gara: Masia trionfa a Losail

“Ho fatto un errore da principiante”


Partito dalla decima posizione in griglia , Niccolò era riuscito, a due giri dalla fine, a portarsi al comando del gruppo dopo un sorpasso impressionante nel quale era riuscito a “mangiarsi” ben otto piloti in una sola volta: “Sono abbastanza contento ma non troppo - ha raccontato Antonelli a Sky Sport MotoGP -, in bagarre ancora non ero in forma, devo migliorare un po'. Ero nel gruppo che cercavo uno spazio per riuscire a tornare davanti, l'ho trovato anche grazie agli altri che si sono un po' disturbati. Andava tutto bene, ma alla curva due ho commesso un errore da principiante, mi è scappata la marcia e non mi è entrata la terza. Mi è entrato il limitatore, ho perso le prime tre posizioni e mi hanno pure passato quelli dietro. Peccato perchè lì ci siamo giocati il podio. Sono comunque contento per la squadra e per questo inizio di stagione”.

Attiva ora DAZN e guarda le gare di MotoGP, Moto2 e Moto3 live e on demand

Piccoli ma già velocissimi


Antonelli ha quindi commentato la bella prestazione dei due rookie Acosta e Guevara che si sono battuti contro i “veterani” della Moto3 con molta grinta: “Sono due piloti che vanno fortissimo - ha concluso Niccolò - diciamo che i rookies di adesso non sono quelli di una volta, arrivano già prontissimi per il mondiale quindi bisogna considerarli per il campionato a tutti gli effetti”.

GP del Qatar: tutte le notizie, le interviste e gli aggiornamenti