Lo scorso fine settimana, Pedro Acosta ha stupito tutti conquistando una grande vittoria in Moto3 nel Gran Premio di Doha partendo dalla pit lane in sella alla KTM del Red Bull KTM Ajo. Una grande impresa, riuscita in maniera simile anche ad un altro grande pilota, ovvero il sudafricano Brad Binder in sella alla moto della medesima squadra nel 2016 a Jerez.

La penalità dopo il warm up


Al termine del warm up, ritardato a causa della nebbia presente sulla pista spagnola, arriva la comunicazione sulla penalità di Binder. A causa di una violazione tecnica riguardante la centralina elettronica utilizzata in qualifica, dovrà scattare dalla 30esima ed ultima posizione in griglia di partenza.

Tuttavia, il numero 41 non si perde d'animo e, fin dalle prime curve, inizia la rimonta. Al termine del primo giro è già in 21esima posizione, con giri veloci ad ogni passaggio nonostante i sorpassi da effettuare, a tal punto da ritrovarsi in quarta piazza intorno a metà gara. I primi tre (Bagnaia, Navarro e Bulega) sono però distanti dal resto del gruppo.

Moto3 GP Doha: pagelle e risultati della seconda gara 2021

Prima vittoria in grande stile


Dopo diciotto passaggi, Brad raggiunge il terzetto di testa e si porta in prima posizione, ma il ritmo non cala e il numero 41 arriverà sotto la bandiera a scacchi con ampio margine sugli inseguitori, salendo poi sul podio insieme ai due italiani Bulega e Bagnaia. Si tratta della prima vittoria in carriera per il nativo di Potchefstroom, che da quell'anno non ha più lasciato la KTM arrivando con la Casa austriaca a vincere anche in MotoGP.

Martin, Fernandez e Acosta: Pramac ed Ajo si godono i loro rookies d'oro