Poteva essere una grande domenica, quella di Deniz Oncu, viste le prestazioni mostrate per gran parte della gara Moto3 a Jerez. Invece, l'epilogo del GP Spagna è stato amaro per il numero 53, ma poteva avere conseguenze ben peggiori di una semplice caduta.

Moto3 GP Spagna, Migno contento a metà: “Non so come sia rimasto in piedi”

L'accaduto 


Dopo aver trascorso gran parte della corsa in testa, Oncu è stato sorpassato all'ultimo giro da Pedro Acosta e Jaume Masia, tentando poi di recuperare il terreno perso con una staccata al limite all'ultima curva. Le conseguenze sono state disastrose: Oncu ha trascinato a terra lo stesso Masia, coinvolgendo anche Darryn Binder. I tre hanno terminato la corsa, ma senza conquistare dei punti.

Come mostrato dal turco della KTM nelle ore successive al GP, il crash poteva finire molto peggio. "Sono fortunato a essere ancora vivo: quando Binder è passato sulla mia testa, il suo disco anteriore mi ha tagliato il collo", scrive Deniz su Instagram mostrando i segni dell'incidente. "Poteva finire molto peggio!".

Infine, Oncu ha voluto scusarsi con gli avversari trascinati nella ghiaia: "È stata una gara incredibile, ho dato il 100% a ogni giro. Ho sofferto a inizio stagione, ma sono tornato a mostrare la mia velocità. Allo stesso tempo, voglio chiedere scusa a Masia e Binder per aver messo fine anzitempo alla loro gara"

 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Deniz_53 (@denizoncu53)

Moto3 GP Spagna, Fenati dopo la gara: “Ci sono anche io per il Mondiale”