FIM e Dorna si mobilitano contro gli incidenti mortali

FIM e Dorna si mobilitano contro gli incidenti mortali

I piani alti delle competizioni motociclistiche più famose si sono incontrati per studiare nuovi modi di correre, riducendo il numero dei piloti in pista

11 agosto

I piloti che sono morti negli ultimi dieci nella sfera del motociclismo principalmente sono stati investiti da altri colleghi. Si ricordi Marco Simoncelli, il 23 ottobre del 2011, fino al più recente Jason Dupasquier nel Mondiale, il 30 maggio scorso, senza dimenticare Hugo Millán nel CEV. Questo ha spinto FIM, Dorna e anche gli organizzatori di altre realtà motociclistiche _ tra cui CEV e Red Bull Rookies Cup - a riunirsi per studiare un modello per ridurre gli incidenti mortali in pista.

Ecco l'ipotetica "soluzione"


Secondo quanto riporta il sito spagnolo di Marca.com a breve si prenderanno misure drastiche in Moto3 e in un futuro non troppo lontano si cercheranno strumenti tecnici per aiutare a combatterli. Il presidente della FIM, Jorge Viegas, ha commentato: “Sia noi che Dorna siamo preoccupati. Stiamo guardando tutto quello che è possibile fare per ridurre il pericolo. Posso confermare che stiamo lavorando insieme per prendere alcune decisioni nel giro di breve”. 

La mentalità è portata su un aspetto principale: La cosa che possiamo già fare è ridurre il numero di piloti a metà, sia nelle prove libere sia nelle gare. Questa è la misura più facile da portare a termine. Se ci sono 20 piloti al posto di 40, le probabilità sono minori di molto, anche se non si può evitare totalmente. Sarebbe già possibile per le prossime gare. Altre soluzioni hanno a che vedere con l’elettronica o le gomme, vedremo. Ci stiamo lavorando”.

Pensando all'atto pratico Viegas ha proposto: “Faremo due manche nelle prove e poi una gara per i primi 20 e gli altri correranno un’altra gara. l’unica maniera di diminuire la pericolosità è ridurre il numero dei piloti in pista. Ci stiamo lavorando”.

MotoGP Austria, gli orari TV di SKY, Dazn e TV8

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi