A Glen Helen non ci saranno i piloti americani del National, al via dei mondiali MX1 ed MX2 di Motocross. Su uno dei tracciati più amati dai piloti statunitensi, infatti, non ci sarà nessuna wild card a stelle strisce. Niente duello Europa-USA quindi, perché Chad Reed, e compagnia non saranno al via.

La motivazione ufficiale è che le moto che corrono nel National, scattato lo scorso weekend ad Hangtown, hanno marmitte più rumorose e soprattutto motori alimentati con benzine altamente ossigenate, molto simili a quelle utilizzate in MotoGP e non in linea con il regolamento tecnico del mondiale.

Una spiegazione che potrebbe anche sembrare ragionevole, se non per il fatto che i team USA, al Motocross delle Nazioni, ci sono da anni (e quasi sicuramente con le stesse moto che usano in America) e quindi, l’idea del boicottaggio del mondiale è sempre più viva. Non è un segreto che agli organizzatori nel National non vada troppo a genio il Mondiale Cross, tant’è che la scelta di andare a Glen Helen, è arrivata dopo un litigio tra i gestori del tracciato e gli organizzatori del campionato USA. C’era quindi da aspettarsi un diktat da parte degli americani ai piloti che disputano il torneo nazionale… e così sembra sia stato.

C’è però da dire che gli americani ci hanno sempre abituato a scelte dell’ultimo minuto. C’è quindi da sperare che qualcuno, all’ultimo, decida di prendere parte alla prova iridata… Ma sarà dura