di Riccardo Piergentili Ad Arlington, Ken Roczen ha ottenuto il suo secondo successo stagionale nel campionato AMA Supercross, dimostrando a Ryan Dungey che andare al tappeto a causa di un colpo ben assestato non vuol dire restare a terra ad ascoltare il conteggio dell’arbitro. Nelle ultime quattro gare Dungey e Roczen si sono alternati sul gradino più alto del podio. Per questo l’esito del campionato AMA Supercross 2016 non è affatto scontato. SEMPRE IL PIÙ VELOCE - Ad Arlington, a differenza di San Diego, Roczen è stato aggressivo e veloce da subito e forse anche questo ha messo in difficoltà un Dungey meno incisivo del solito. Nel primo giro della corsa lo statunitense della KTM è riuscito a superare Roczen (autore della holeshot), però il tedesco ha mantenuto Dungey nel mirino, superandolo poco dopo. FUGA PER LA VITTORIA - Ripreso il comando della gara, Roczen ha iniziato a guadagnare secondi su Dungey. A pochi giri dalla fine, però, lo statunitense ha inaspettatamente cambiato ritmo, riuscendo a ricucire lo strappo dal tedesco, che però, approfittando anche di alcuni doppiaggi, ha mantenuto la leadership fino alla bandiera a scacchi. ALTRA BELLA GARA PER ANDERSON - Ennessima ottima prestazione di Jason Anderson. Come spesso accade, il pilota della Husqvarna ha corso con prudenza la prima parte della corsa, scatenandosi nel finale, riuscendo a salire sul terzo gradino del podio, davanti alla Honda di Cole Seely e alla Kawasaki di Eli Tomac. ROCZEN SFIDA DUNGEY - Nel dopo gara Roczen non ha nascosto il suo entusiasmo, dichiarando che “Dungey mi ha pressato per tutta la gara, ma questa volta non ho mollato, sono rimasto concentrato e ho portato a casa la vittoria”. Meno soddisfatto Dungey: “All’inizio della gara ho superato Roczen ma lui mi passato nello stesso punto in cui lo avevo attaccato. Sono comunque contento di avere ottenuto il secondo posto. Qua era importante”. DUNGEY SEMPRE LEADER - Ora Roczen (143 punti) ha 23 lunghezze di distacco da Dungey (166 punti) in classifica, quindi il campionato resta aperto. Anderson (131 punti) ha consolidato la sua terza posizione in classifica ma non sembra in grado di impensierire i primi della classe. Il pilota della Husqvarna ha otto punti di vantaggio su Seely (123 punti). Twitter: @Hokutonoken_79