Intervistato dal magazine DirtBike, David Luongo si è dichiarato moderatamente ottimista. La situazione sanitaria preoccupa relativamente il Direttore Esecutivo di Infont Moto Racing, che gestisce il campionato del Mondo a ruote tassellate. 

La speranza del "boss" è che gli spettatori possano seguire gran parte degli eventi 2021, sebbene la stagione inizi con due mesi di ritardo rispetto al solito: "Dobbiamo aspettare ancora qualche settimana - le sue parole - la maggior parte delle squadre sta effettuando test in Italia e Spagna, preparando il primo Gran Premio. Sono anche in corse le prime gare pre-campionato".

Anche la MXGP ha dovuto adeguarsi alla particolare attualità: "Abbiamo aggiornato il calendario 2021 - spiega - e il round di apertura si terrà Nei Paesi Bassi, ad Oss. Continueremo a monitorare la situazione ogni settimana, impegnandoci per offrire una stagione completa ed emozionante".

Obiettivo MXGP: tifosi ed appassionati


David sa quanto il pubblico reciti un ruolo fondamentale nello sport. Non fa eccezione il cross. Anzi, proprio nelle gare di MXGP la passione del pubblico è ancora più determinante: "infatti, il nostro obiettivo è ospitare gli spettatori - svela - nella maggior parte dei nostri eventi".

D'accordo, ma come fare? Occorre una strategia precisa: "Siamo in contatto coi Governi - entra nei dettagli - con le federazioni e gli organizzatori. Vogliamo migliorare i diversi protocolli e adattarli alle regole locali, inerenti al virus. Siamo convinti che il tutto migliorerà nei prossimi mesi, grazie alla massiccia campagna di vaccinazioni".

Ciò significa che gli addetti ai lavori opereranno in sicurezza: "Si avrà la possibilità di dare al personale una protezione adeguata - continua - e così potremo ospitare il pubblico durante gli eventi internazionali. La MXGP si sta aprendo a nuovi mercati, per contatti con Portogallo e Croazia. Inoltre, il Campionato del Mondo Junior si svolgerà nel 2023 in Ucraina".

Navarra, novità assoluta del calendario SBK