Ora è ufficiale: Triumph (qui la prova della Speed Triple 1200 RS) nella prossima stagione entrerà a far parte del mondo delle competizioni MX ed Enduro. Alla base di questa notizia bomba c’è un nuovo progetto con cui la Casa inglese punta decisamente in alto ed è già all’opera per produrre una nuova gamma di motociclette, dedicate ai piloti professionisti e amatoriali delle due classi.

Un annuncio decisamente speciale


Un nuovo e importante capitolo della marca di Hinckley sta così prendendo forma, e proprio nel 2022 festeggerà 120 anni di storia con questa grande novità. Due sono gli assi nella manica: la leggenda mondiale del Motocross Ricky Carmichael e 5 volte Campione del Mondo di Enduro Ivàn Cervantes che fanno parte del team interno che si sta occupando della progettazione e dello sviluppo delle nuove moto.

Nick Bloor, CEO Triumph Motorcycles Ltd, ha dichiarato: “L’annuncio di oggi celebra l’inizio di un capitolo completamente nuovo per il nostro brand, una sfida emozionante che siamo orgogliosi di poter condividere. Siamo convinti al 100% di poter rappresentare un competitor solido e consistente all’interno di un mondo in cui la competizione è elevatissima, con un grande obiettivo in mente: quello di offrire una nuova gamma di motociclette, altamente performanti ed eccitanti, a nuove generazioni di motociclisti Triumph”.

La coppia di assi


Per lanciarsi in questa nuova sfida Triumph ha voluto al proprio fianco due ex piloti di grande fama. Ricky Carmichael ha raccontato: “Sono onorato di poter contribuire al successo di un Costruttore così prestigioso, e con tutta la modestia possibile penso di poter contribuire a rendere veloci e competitive le nuove moto che verranno realizzate per le competizioni. A questo punto della mia carriera, trovo estremamente stimolante poter partecipare alla realizzazione di un progetto come questo, partendo dai primissimi passi. L’ingresso di un Marchio così importante porterà ulteriore entusiasmo e alzerà il livello della competizione!

E poi la parola a Ivan Cervantes: “Mi sono appassionato alle motociclette Triumph quando ero ancora un bambino, attraverso i film e la televisione. Quindi è fantastico essere coinvolto in un progetto così importante fin dall’inizio. Ho sempre sognato, da pilota, di poter mettere a disposizione la mia esperienza per progettare una futura gamma di moto da offroad partendo assolutamente dall’inizio”.

MXGP, il Gran Premio di Olanda va a Tim Gajser