Il primo appuntamento deI Mondiale EnduroGP 2020 ha preso il via questo weekend a Requista, in Francia: saranno in tutto 5 i round quest’anno, che rispetto alle consuete date 7-8 è un bel traguardo considerando gli spostamenti di date per la pandemia di Coronavirus.

18 nazioni e 3 Continenti


Tutti i piloti che sono stati in prima linea nella stagione 2019 sono pronti darsi battaglia dopo una offseason molto più lunga del solito. Sono rappresentate più di 18 nazioni e 3 Continenti, Europa, Sud America e Oceania: Germania, Australia, Belgio, Brasile, Cile, Spagna, Estonia, Finlandia, Francia, Gran Bretagna, Italia, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Repubblica Ceca, Svezia, Svizzera.

L'elenco degli iscritti è di ben 225 piloti. 142 piloti di Coppa del Mondo: 102 piloti EnduroGP, Junior e Youth e 40 Enduro Open World Cup "dilettanti". I piloti francesi rappresentano il 40% del campo EnduroGP.

I possibili protagonisti


In Enduro 1 Thomas Oldrati (su Honda Red Moto) vice-campione E1 nel 2019 e Christophe Charlier (su Beta), 3° nella E2 nel 2019, si liberano dalla pressione di Brad Freeman che quest’anno punterà a conquistare il titolo in categoria E3. Potrebbe essere della aprtita anche Cadurcien Jérémy Tarroux (su Sherco), ex pilota internazionale di Enduro, in ottima forma dopo la vittoria alla Coppa Francese di Enduro 2020.

In Enduro 2 la Francia cala tre assi: il campione del mondo 2019 della categoria, Loïc Larrieu, Hugo Blanjoue e Vincent Gautie. Sarà un nuovo duello Loïc Larrieu /Alex Salvini?

Il duo britannico Steve Holcombe (Beta), campione del mondo E3 2019 e David Mccanney (Honda Red Moto), vice campione del mondo E3 2019, hanno tutte le intenzioni di mettersi in luce. Anche Matteo Cavallo (su Sherco), 3° in E1 nel 2019, entra nella categoria per giocare davanti. Anche Matteo Pavoni (Beta), 2° nella Youth Cup 2019 entra direttamente in E2 senza passare dalle classi Junior.

In Enduro 3 con l'arrivo nella categoria di Brad Freeman (Beta), vincitore del 2019, il compito sulla carta sarà difficile per gli altri piloti.

C’è anche Fantic


Fantic D'Arpa Racing Team ha debuttato nella classe Youth con le nuovissime enduro Fantic XE 125 della formazione guidata dal Team Manager Marco D'Arpa che schiera nella classe Youth due giovani talenti europei: il finlandese Hugo Svard e il britannico Jed Liam Etchells. Li accompagnano Diego Morganti, direttore Sportivo della formazione Fantic D’Arpa Racing e con loro i tecnici Luca Ghislandi, Ivan Coniglio e Giuliano Mancuso.

Hugo Svard, ventuno anni compiuti lo scorso 28 giugno, si è classificato sesto nel Mondiale della classe Youth nel 2018 e 2019. Il finlandese punta quest'anno a salire sul podio del Mondiale Youth dopo le buone prove disputate anche nei Campionati Assoluti d'Italia e le tre vittorie consecutive ottenute nel Campionato finlandese in cui lo scorso metà agosto oltre alla prima posizione di classe ha ottenuto anche un secondo posto nella classifica assoluta confermando il potenziale della ottavo di litro sviluppata dal tecnico brianzolo Roberto Cesana in stretta collaborazione con l'R&D Fantic Factory.

Jed Liam Etchell è nato il 17 settembre 2000 a Manchester ma si è trasferito con la famiglia da alcuni anni sull'Isola di Man. È stato Campione Europeo Enduro Junior nel 2019, ottenendo una seconda posizione nella classe Junior EJ2 nel GP di Francia 2019 per concludere la Sei Giorni 2019 in Portogallo al decimo posto nella classe E3 con la maglia della nazionale britannica.

Il mondiale Enduro in Italia


Dopo Requista, in Francia, la settimana successiva vi sarà il Gran Premio d'Italia di Spoleto, spostato da inizio giugno al 25-27 settembre, mentre a novembre è stato annullato il GP di Spagna che sarà recuperato in Portogallo disputando due GP sempre nella cittadina di Marco de Canaveses nelle date dell’6-8 e subito dopo la settimana successiva il 13-15. Dal calendario 2020 sono invece stati annullati per l'emergenza sanitaria Covid-19, i GP di Ungheria, Estonia, Svezia, Germania e Spagna. ?

MotoGP, Rossi: “Andar forte come settimana scorsa non basta più”