La passione per le corse e per il fuoristrada ha sempre caratterizzato la Polini Motori fin dai tempi delle prime trasformazioni realizzate per i motori Sachs, Fantic, Zundapp, Rotax e l’ha vista passare successivamente a mezzi più stradali come la Vespa, Ciao, MBK  ed a tutti i vari scooter.

Tradizione, amore, cura dei particolari, attenzione e dedizione. Tutto questo ha sempre voluto essere la Polini: con nuove sfide ogni giorno, in cui è necessario mettersi in gioco per puntare a nuovi ed ambiziosi traguardi.

La Vespa GTS Super 300 “mette le ali” con Polini Motori

Le parti speciali per i Minarelli 50 AM6


Tra le tante parti speciali del catalogo Polini figurano anche le parti speciali per i vari “cinquantini” equipaggiati con motore Minarelli 50cc AM6.

Polini ha  dunque progettato, prodotto e lanciato sul mercato dell’aftermarket una scommessa, portandola ad essere vincente.

Nell’enduro e nell’offroad in generale la factory bergamasca è divenuta protagonista, rompendo gli schemi e portando impegno, perseveranza e voglia di vincere.

“Un impegno importante, perché nell’era dell’IPhone, degli IPad, di Internet, di Twitter o Istagram, in cui tutto è a portata di un semplice “click”, Polini si rivolgere sempre a chi vuole realmente mettersi in gioco nelle gare di enduro e fuoristrada”, dicono in Polini.

I successi nell'enduro


Con la serie dei prodotti speciali per il motore Minarelli dei vari “cinquantini” AM6, Polini ha già ottenuto importanti successi in collaborazione con alcune squadre impegnate con le più promesse dell’enduro italiano, COME il Team Cesana di Seregno, in provincia di Monza e Brianza, vincitore nelle ultime stagioni di campionati italiani cadetti 50 e titoli FIM nella Coppa Europe 50 con diversi giovani piloti, tra i quali Matteo Pavoni (nella foto sopra).

Si tratta di prodotti Polini in grado di soddisfare le numerose richieste di piloti ed appassionati desiderosi di possedere un motore 'kittato' altamente prestante in ogni condizione di guida grazie con pezzi unici e straordinariamente performanti”, aggiungono in polini.

I prodotti sono il kit gruppo termico, l’accensione, l’impianto di cascarico, l’albero motore, il collettore di aspirazione, il kit dichi frizione, i cuscinetti, la coppia di manopole e la valvola lamellare.

La linea "For Race"


Polini Motori conferma la sua attenzione all’evoluzione delle moto da 50cc 2 tempi motard  e fuoristrada dedicando proprio a questi mezzi una linea di impianti di scarico: si chiama For Race ed è composta da sette differenti modelli sviluppati per essere adattati su moto: Aprilia, Beta, Derbi, Gilera, Rieju, Sherco, Yamaha.

Si tratta di impianti scarico destinati all’after-market progettati e sviluppati per le caratteristiche dei motori raffreddati a liquido.

Sono stati progettati per adattarsi perfettamente alle forme dei vari tipi di telaio e per garantire buone prestazioni, ottimizzazione della potenza a ogni regime di rotazione e affidabilità.

L’espansione è stata sviluppata per sfruttare al massimo le prestazioni sia dei motori originali, che quelli potenziati. Il silenziatore finale è in alluminio anodizzato nero e può essere smontato per agevolare la sostituzione del materiale fonoassorbente.

L'accensione per Minarelli e Derbi


Tra le novità di Polini per le moto 50 equipaggiate con motore Minarelli AM6 o Derbi D50B, anche l’accensione digitale Polini a rotore interno. 

L’accensione è completa di supporto centralina, statore, rotore, bobina completa con CDI in cui è già inserita la mappa di accensione dell’anticipo elettronico. Il setup promette di essere molto semplice, perché consente la regolazione meccanica dell’anticipo. 

Lo statore è studiato per avere 2 cave di cui una specifica per il motore Minarelli AM6 ed una per il motore Derbi D50B: una questa caratteristica studiata per rendere semplice il set up in fase di montaggio.

La nuova accensione a rotore interno ad anticipo variabile si può utilizzare su motori che arrivano a 20.000 RPM.

Il kit Polini si propone come un avanzato concentrato di tecnologia elettronica progettata per le competizioni in pista con le moto sia per le categorie con cilindrata originale che per le categorie con cilindrata maggiorata. L’impianto elettrico della moto viene escluso. All’interno del kit è disponibile una tabella d’anticipo per il corretto set-up.

L’incremento della potenza ad ogni regime di rotazione del motore è assicurato.

The Test : Yamaha TMAX, ancora più grinta con il kit Polini