Ad Arma di Taggia, nel weekend appena trascorso, è andato in scena l'atto finale degli Assoluti d’Italia di Enduro. Il primo titolo assegnato è stato quello di Matteo Cavallo nella 450, mentre nella giornata di domenica, tutti gli occhi sono stati puntati sull’Assoluta e sulle altre classi.

Testa a testa tra Holcombe e Oldrati


A contendersi il titolo della generale Steve Holcombe (Beta) e Thomas Oldrati (Honda Redmoto): la domenica di gara ha visto Thomas Oldrati tra i protagonisti della classifica assoluta, lottando per tutto il giorno con Brad Freeman riuscito a spuntarla sul finale. Oldrati ha concluso al secondo posto, mentre la terza posizione è stata conquistata di Josep Garcia su KTM. Hanno completato la top five Andrea Verona e Daniel McCanney, rispettivamente su TM e Honda Redmoto.

Il titolo 2020 è andato a Steve Holcombe, vincitore per soli due punti su Thomas Oldrati e sei su Brad Freeman. Holcombe, oltre che alla medaglia d’oro FMI, si aggiudica la tabella di Campione 24mx ed il Trofeo Mika Ahola, che ritorna nelle sue mani dopo due anni.

MXGP Trentino, Cairoli: “È sempre bello vincere in Italia…”

Montanari campione nella 125


Ad aggiudicarsi la gara e anche il titolo nella 125 è stato Tommaso Montanari (KTM TNT Corse) andato a vincere su Giuliano Mancuso (Fantic D’Arpa) e Lorenzo Bernini (KTM TNT Corse).

Nella 250 2t, il titolo è andato invece a Davide Soreca (Beta Boano) che è riuscito a vincere sette gare tra cui quella di casa. Alle sue spalle in campionato si è piazzato il compagno di squadra Deny Philippaerts, mentre il terzo posto è andato a Maurizio Micheluz (Husqvarna Osellini).

La classe 300 ha visto invece come trionfatore Davide Guarneri (TM E50) seguito da Rudy Moroni (KTM Proracingsport) e Gianluca Martini (Beta).

La battaglia nella categoria 250 4t, Junior e Youth


A tenere viva la 250 4t ci hanno pensato Oldrati e Verona, con il titolo nazionale che alla fine è andato ad Oldrati. Il terzo posto della classifica generale è andato a Patrick Grigis (KTM).

Se nella 450 i titolo di Cavallo era già stato assegnato, la conquista del titolo Junior è stata aperta fino alla fine con Lorenzo Macoritto e Matteo Pavoni a contendersi il campionato. Nonostante la vittoria di giornata per Pavoni, la prima posizione nella generale è andata a Macoritto che si è laureato campione italiano 2020. Il terzo posto è andato a Enrico Zilli su Honda.

Infine, Claudio Spanu si è aggiudicato il titolo nella Youth, la categoria riservata ai giovani in sella alla 125 2t. Il pilota sardo del team Husqvarna Osellini ha conquistato il tricolore davanti a Riccardo Fabris e Matteo Grigis.

Off road: così Polini Motori rende vincenti i “cinquantini”

I risultati delle Coppe e dei Trofei


Non sono state da meno le battaglie nella Coppa FMI: nella 2t il podio finale ha visto sul gradino più alto Delbono, seguito da Pogna e da Nicolò Paolucci (KTM), mentre nella 4t la medaglia d’oro è andata a Francesco Tengattini (KTM Proracingsport), davanti a Patrick Grigis (KTM) e Alberto Besagno (Husqvarna).

Nella Coppa Italia, per la categoria Cadetti, il vincitore è stato Davide Pitzoi (Sherco) per la Junior Andrea Manarin (TM ) e nella Major Simone Fiaccadori (KTM).

Per i Trofei 2020, invece, Thomas Oldrati si è aggiudicato la prima posizione dell’X-CUP Motocross Marketing-Galfer, mentre per il Trofeo Airoh Cross Test, Joe Wootton è salito sul gradino più alto. Conclusa anche la prima edizione del Trofeo Eleveit, riservato ai giovani piloti degli Assoluti d’Italia: pilota ufficiale Eleveit per la stagione 2021 sarà Riccardo Fabris.

AMA Supercross: ufficializzato il calendario 2021