CARDANO AL CAMPO (VA) – Tra il pubblico, accorso numeroso a vedere la terza prova degli Internazionali d’Italia di Motocross, c’era anche il pilota della MotoGP Jorge Lorenzo (guarda l'intervista). Assente invece al via Tony Cairoli, che tornerà. Assieme a Nagl, nel prossimo round a San Severino Marche, il prossimo 21 marzo.

Nella MX1 parte forte Guarneri (Honda Motors.be) che domina la prima manche. Dietro di lui Monni (Yamaha 3C Racing) che recupera posizioni su posizioni. Terzo al traguardo, l’americano Albertson (Honda Martin) non molla un centimetro anche se appare stanco alla fine di gara 1, dopo l’influenza che l’ha fatto stare fermo la scorsa settimana. Nella seconda manche Guarneri è poco brillante in partenza e si ritrova a dover recuperare dalla decima posizione, mentre il compagno di team Leok T. (Honda Motors.be) vola via in testa lasciando gli altri indietro. Subito dietro l’estone è di nuovo lotta fra Monni e Albertson. L’americano resta davanti riuscendo a resistere agli attacchi del perugino, ed aggiudicandosi la prima vittoria in Europa, per via del miglior risultato nella seconda manche. Buona la prova anche di Priem e Coppins (entrambi Aprilia Racing), che parte forte in entrambe le finali, Bill (Aprilia JK Dacth) e Salvini (Husqvarna Factory Cross 2R), a dimostrazione che le case italiane, Aprilia ed Husqvarna, sono in crescita per sviluppo delle moto e consistenza dei rispettivi piloti. In classifica generale è adesso il bresciano Guarneri al primo posto, candidandosi alla vittoria finale del campionato.

La MX2 parla ancora francese: con il dominio assoluto e la prima vittoria agli Internazionali d’Italia di Charlier (Yamaha Gariboldi Racing). Il pilota transalpino, come da pronostico, mette tutti in fila e vince meritatamente distaccando i suoi avversari e conquistando la tabella rossa di leader della classifica generale. Secondo assoluto, al termine di due gare fotocopia, il tedesco Schiffer (KTM Axo Silver Action), con una prova di orgoglio, viste le difficoltà fisiche con cui si è presentato a Malpensa: una performance che conferma quanto di buono visto fin’ora. Terzo posto per il finlandese Kullas (Yamaha Gariboldi Racing): è la ciliegina sulla torta per il Team Gariboldi, che si gode il meritato trionfo sulla pista di “casa”. Fuori dal podio di un soffio, Lupino (Yamaha Ricci Racing) è comunque autore di una prova di personalità: esce stremato ma contento per il risultato che ne certifica il buon stato di forma, dopo il recupero dall’infortunio allo scafoide. Dietro di loro, Irt (Husqvarna Cross 2R) è quinto, precedendo Aperio (Honda Motobase), che riesce a sua volta a concludere davanti al pluricampione Chiodi (Suzuki Valenti MX Racing).

Nell’Under 17 è dominio assoluto di Ciucci (KTM Max Bart Steels). Vince la gara e mette una seria ipoteca sul titolo visto il grande vantaggio nei confronti di Babbini (KTM Rosignano), oggi quinto assoluto.

Guarda le foto