Tony Cairoli ha compiuto 29 anni il 23 settembre Il campione siciliano è reduce da una stagione di alti e bassi: sul piano privato il dolore per la morte del padre (leggi QUI) mentre sul piano professionale ha appena centrato il suo ottavo titolo mondiale (leggi QUI).  Ora è tutto preso dalla preparazione per il prossimo impegno, il cross delle Nazioni, in programma domenica 28, a Kegums, in Lettonia. Per Cairoli il Nazioni sembrava una gara stregata. A Franciacorta nel 2009 era fatta, si stava per vincere, ma nell’ultima manche Cairoli veniva centrato al via ed era costretto a fermarsi. Ora dobbiamo riprovarci, la squadra sarà la stessa del 2009, con Cairoli, Philippaerts e Guarneri, tre piloti di notevole esperienza, tre campioni del mondo (Cairoli otto titoli, Philippaerts titolo MX1 nel 2008, Guarneri titolo junior 125 nel 2002). Cairoli nelle ultime due edizioni ha dominato: quattro manche vinte su quattro, un fenomeno, e Philippaerts e Guarneri possono garantire solidità al gruppo, cioè far fieno pur senza strafare. La formula del Nazioni, pur prevedendo uno scarto sui sei risultati, ha sempre premiato la costanza: bisogna far punti, evitare gli errori, per arrivare in alto. E bisogna lavorare per la squadra più che per il risultato individuale: per questo Cairoli correrà col 250 4T, nella categoria MX2. Dopo aver dominato le ultime due edizioni, vincendo l’individuale assoluta ed MX1, a Cairoli i tecnici federali (capitanati da Thomas Traversini) hanno chiesto di correre nella MX2 (nel Nazioni non vale la regola Under 23 per la MX2), per ottimizzare la formazione; sarebbe stato più difficile far correre Guarneri o Philippaerts sul 250, un po’ per le caratteristiche di guida, e perché la KTM 250 ufficiale di Cairoli è un’arma invidiabile. Cairoli ha accettato la sfida, e per la prima volta lascerà la fida KTM 350. Sul K 250 Tony non ha mai corso, e l’ultima volta che ha guidato il 250 era il 2008. Sei anni non sono pochi, ma da Tony sa sorprenderci sempre e regalarci miracoli. Può il siciliano vincere col 250? Ricordiamo che proprio Cairoli è stato il primo nella storia del Nazioni a vincere una manche col 250 4T, davanti a Villopoto e Townley. Era il 2006, a Matterley Basin, Inghilterra. C’è da aggiungere che Cairoli ha vinto quattro volte (2009, 2011, 2012, 2013) sui cinque GP disputati a Kegums (fece secondo nel 2010). A dir poco, una pista che gli piace, e correrà, magia della sorte, col numero otto nell’anno dell’ottavo titolo. Cairoli è l’unico dei piloti in pista ad aver vinto a Kegums, insieme al portoghese Rui Goncalves (2009, MX2).  

Il Nazioni in TV

ITALIA 2 Domenica 28 settembre 12.00 gara MXGP e MX2 13.30 gara MX2 e Open 15.00 gara MXGP e Open