di Federico Porrozzi Quando Cairoli non c’è gli avversari “ballano”. Nella stagione 2015, la MXGP mondiale ha perso il suo pilota più rappresentativo, Antonio Cairoli, a causa di un lungo stop per infortunio. Questo ha permesso ai suoi più acerrimi rivali (da Febvre, poi laureatosi campione del mondo, a Paulin, passando per Bobryshev, Simpson, Van Horebeek e Nagl) di giocarsi la vittoria con un avversario di meno. Il più temuto. PRONTO PER IL RITORNO? - Stesso discorso, a causa dello stesso problema (due costole incrinate in allenamento per Cairoli) è accaduto alla vigilia della prima delle tre gare degli Internazionali d’Italia 2016, un evento considerato da sempre “antipasto” vero della stagione mondiale, quest’anno pronta a partire a fine febbraio da Losail. Il campione siciliano della KTM ha dovuto dare forfait sia ad Alghero che a Lamezia Terme ma dovrebbe tornare a Ottobiano, dove domenica 14 si correrà la terza e decisiva tappa dell’edizione 2016. Per Tony, quella lombarda potrebbe essere l’ultimo “allenamento” utile in vista della prima tappa iridata del Qatar. RUSSIA CONTRO BELGIO - A contendersi la vittoria finale in un round difficile (è prevista pioggia nel week-end) saranno comunque due dei grandi protagonisti del mondiale 2015 e tra i favoriti per il titolo 2016, ovvero il russo Evgeny Bobrishev su Honda Team HRC e il belga Jeremy Van Horebeek su Yamaha Monster Energy Factory MXGP Team. Il primo, finito l’anno scorso sul terzo gradino del podio iridato, ha chiuso al terzo posto la tappa di Alghero e ha poi dominato quella di Lamezia Terme. Alla vigilia del round finale, si trova a pari punti con il belga (quinto nel mondiale 2015), capace di centrare fin qui due importanti secondi posti. FEBVRE KO - A meno di clamorose sorprese, saranno loro due a giocarsi il titolo degli Internazionali 2016, anche perché gli altri sembrano un po’ troppo distanti: il tedesco Nagl non è riuscito ad andare oltre il terzo posto (miglio risultato) di Lamezia mentre il campione del mondo in carica, il francese Romain Febvre (Yamaha Monster Energy Factory MXGP Team), dopo essere partito alla grande con la vittoria in Sardegna è stato costretto a rinunciare alla gara di Lamezia a causa di un profondo taglio all’avambraccio rimediato proprio durante le prove e che lo costringerà a saltare il round di Ottobiano. OCCHIO ALLE SORPRESE - Outsider di lusso saranno il compagno di squadra di Cairoli, l’olandese Glen Coldenhoff (Red Bull KTM Factory Racing) e l’estone Tanel Leok (KTM) mentre per quanto riguarda i colori azzurri, oltre a Cairoli da tenere d’occhio un David Philippaerts (Yamaha DP19 Racing) in odore di riscatto dopo i risultati sottotono delle prime due prove e Stefano Pezzuto (KTM), Davide Guarneri e Alessandro Lupino (Honda) pronti a centrare risultati da top ten.