Questo weekend sulla pista di Riola Sardo, nei pressi di Oristano, prenderanno il via gli Internazionali d’Italia di Motocross: un evento atteso dai piloti e dalle squadre – che prenderanno le prime misure con le moto in configurazione 2020 – e dal pubblico, perché questa sfida rappresenta ufficialmente la riapertura delle competizioni. E’ finita la lunga attesa invernale, e i motori cominciano a riaccendersi!

MX1

Le gare saranno un gustoso antipasto di quello che succederà tra poco più di un mese in Inghilterra, in occasione del primo round del mondiale. Peccato solo per l’assenza di Tony Cairoli, che non si è ancora ripreso dall’infortunio alla spalla rimediato lo scorso anno in Lettonia.

Il campione del mondo in carica della MXGP, Tim Gajser, che nel 2016 aveva scelto insieme al suo team ufficiale Honda HRC proprio la Sardegna per il suo esordio sulla 450 rossa, sarà la testa di serie numero uno della classe regina. Una volta completati i test pre-stagionali, proverà ad aggiudicarsi la gara per la prima volta in carriera ma dovrà fare i conti con una concorrenza più che agguerrita. A dargli filo da torcere ci penseranno infatti i due piloti del team KRT Kawasaki, capitanati da Clement Desalle, alla prima apparizione a Riola e dal suo nuovo compagno di squadra Romain Febvre, esordiente sulla Kawasaki e vincitore dell’edizione del 2016, corsa ad Alghero.

Anche Paulin Gautier, unico pilota fino ad oggi ad essere riuscito a battere Tony Cairoli in una manche della MX1 a Riola, proverà a dire la sua in sella alla Yamaha ufficiali del team Monster Energy Yamaha Factory MXGP, e altrettanto farà il suo compagno svizzero Jeremy Seewer. Entrambi scenderanno in pista per la prima volta da quando la squadra belga ha preso il testimone dal team Rinaldi, che continua comunque a seguire lo sviluppo delle moto.

Saranno come sempre contraddistinte dalla livrea bianca le Husqvarna ufficiali del team Rockstar Energy Husqvarna Factory Racing, in gara con Arminas Jasikonis e con il rookie of the year 2019 della MXGP, Pauls Jonass, già vincitore nel 2015 in MX2 e più volte sul podio. Entrambi i piloti provenienti dai Paesi baltici sono specialisti dei terreni sabbiosi e c’è da scommettere che diranno la loro in sella alle moto del team del pilota di Formula 1 Kimi Raikkonen. Sarà Brian Bogers invece a difendere i colori KTM, in sella alla sua 450 SX-F del Marchetti Racing Team.

Esordio sulla 450 per Michele Cervellin, in sella alla YZF 450 del team SDM Corse, per Mitch Evans, passato quest’anno alla 450, al fianco di Gajser in HRC e per Ivo Monticelli che porterà in gara per la prima volta la GasGas ufficiale con la quale lui ed il suo compagno Glen Coldenhoff disputeranno la MXGP 2020. 

MX2

Nutrita la pattuglia degli azzurri nella classe cadetta: Mattia Guadagnini, Morgan Lesiardo e Joakin Furbetta, solo per citarne alcuni, dovranno difendersi dagli attacchi di Ben Watson, Jago Geerts e Maxime Renaux.

Appuntamento quindi domenica 26 gennaio sul circuito “Le Dune” di Riola Sardo per scoprire chi sarà il protagonista dell’ottava edizione della gara sarda. Il campionato sarà come sempre trasmesso in diretta streaming su  www.offroadproracing.it e sono programmati servizi su Rai Sport, con tre highlights, ciascuno di 60’ in onda il giovedì sera.

VOTA IL SONDAGGIO: Motocross 2020, Cairoli sfaterà il tabu del decimo Mondiale?