Il Mondiale Motocross ha disputato due round prima di essere bruscamente interrotto dall’emergenza Coronavirus. Il prossimo round in programma è per il 5 luglio sulla pista russa di Orlyonok, ma nell’attesa Tony Cairoli ha voluto dare il suo contributo nella lotta al Coronavirus e per aiutare chi ha contratto il COVID-19.

Il contributo per la sua città


Il nove volte iridato del Motocross ha donato infatti un ventilatore polmonare pressometrico all’ospedale di Patti, la sua città natia, in provincia di Messina.

“Un ringraziamento al nostro campione Tony Cairoli per aver donato all’U.O. di Anestesia e Rianimazione dell’Ospedale ‘Barone Romeo’ di Patti un preziosissimo ventilatore polmonare pressometrico che sarà particolarmente utile anche dopo la fine dell’emergenza da Covid-19”, ha detto il sindaco Mauro Aquino.

Tony si allena così


Intanto il siciliano della KTM continua ad allenarsi con costanza nella sua casa di Santa Marinella, alle porte di Roma, dove ha sede il Team De Carli.

E per aiutare chi è a casa a rimanere in forma, Tony ha condiviso sul suo profilo social un video che lo vede alle prese con gli esercizi che svolge quotidianamente.

Ciao ragazzi siamo ancora a casa per qualche giorno e insieme a Red Bull abbiamo creato questo video per farvi vedere parte del mio allenamento!” scrive Cairoli.
“Potete farlo anche voi a casa con pochissimi attrezzi quasi tutto a corpo libero! Provate e fatemi sapere cosa ne pensate!” conclude Cairoli, che è attualmente terzo nel mondiale dopo i primi due round.

Motori spenti e gare non disputate: cosa accadrà ai contratti dei piloti?