Il settimo round del mondiale di Motocross è andato in scena di mercoledì a Faenza con la seconda delle tre gare in programma in Emilia Romagna, a soli tre giorni di distanza dal Gran Premio d'Italia.

Il Gran Premio di Faenza ha visto la KTM ufficiale conquistare il podio in MXGP e in MX2 con Jorge Prado e Tom Vialle vittoriosi nelle rispettive categorie. Per Prado questo è stato un momento speciale perché è la sua prima vittoria assoluta in carriera in MXGP, nella sua stagione da rookie. E per il suo compagno di squadra nella classe cadetta è la prima doppia vittoria della stagione in MX2.

L'infortunio di Herlings


Il weekend non è stato tutto rose e fiori per KTM, per via dell’incidente occorso al leader del campionato Jeffrey Herlings, che nelle prove libere è atterrato male sul secondo salto. L’olandese è stato portato all'ospedale Bufalini di Cesena in elisoccorso per ulteriori controlli. La prima diagnosi parla di una lesione cervicale, ma non ne è stata rivelata l’entità. L’unica certezza è che fortunatamente Herlings muove regolarmente le gambe e le braccia.

Seewer e Gajser primi in MXGP


In gara 1 è stato Jorge Prado a rivendicare il primo Fox Holeshot della giornata. È stato seguito da vicino da Mitch Evans del Team HRC, Jeremy Seewer su Yamaha, Romain Febvre su Kawasaki, Tony Cairoli  su KTM e Tim Gajser su Honda.

Al terzo giro, Seewer era già secondo dopo aver superato Evans. Poi è arrivato Febvre che ha superato anche l'australiano e si è spostato in terza posizione. Poi Cairoli ha superato Evans.

Un paio di giri dopo Seewer è riuscito a trovare un modo per superare Prado e passare al primo posto.
Alla fine, Seewer ha vinto la sua prima gara MXGP davanti a Prado e Febvre terzo, con Cairoli quarto.

La seconda gara di MXGP ha visto Prado e Cairoli in testa dopo il via, con Prado che ha siglato l'ennesimo Fox Holeshot. Nel frattempo Seewer è sceso al 14° posto dopo una partenza difficile.

Prado ha quindi aperto la strada mentre Gajser ha sorpassato Cairoli ed è andato a fare pressione a Prado.
Al 5 ° giro Gajser è diventato il nuovo leader della corsa dopo aver sorpassato Prado, con Cairoli terzo.

E mentre Gajser difendeva il comando dal pilota KTM, il suo compagno di squadra Evans ha iniziato a sfidare Cairoli, fino a superarlo, ma a due giri dal termine Cairoli si è ripreso il terzo posto.

Alla fine è stato Gajser a conquistare la sua vittoria a Faenza, con Prado ancora una volta secondo e Cairoli terzo, al suo 250esimo Gran Premio.

Con i due secondi posti il campione del mondo di MX2 Jorge Prado ottiene la sua prima vittoria assoluta davanti a Gajser e Seewer, terzo nonostante abbia concluso gara2 al 7 ° posto.

In termini di campionato, nonostante abbia saltato il Gran Premio, Jeffrey Herlings si mantiene al comando del campionato davanti a Cairoli, staccato di 22 punti, con Gajser che insegue per 4 lunghezze.

“Già un podio in Lettonia era stato un grande traguardo per me dopo un inizio di anno difficile e ora questa vittoria… Vincere è così difficile perché devi mettere insieme due buone gare e due buone partenze e tutti spingono al massimo e sono pronti a sorpassarti in ogni momento", ha detto Jorge Prado. "In ogni singola gara dai tutto fino all'ultimo giro. Ho fatto due buone partenze, ma due errori in entrambe le gare che forse mi sono costati una vittoria. Comunque sono molto contento perché l'ultima gara è stata molto dura.. “, conclude Prado.

La doppietta di Vialle in MX2


Nella classe cadetta, doppietta per il francese Tom Vialle su KTM, che in gara1 si è piazzato davanti a Maxime Renaux e Jago Geerts entrambi su Yamaha, mentre in gara2 sul podio con lui sono saliti Jed Beaton e Thomas Kjer Olsen, tutti e due su Husqvarna.

La classifica del Gran Premio di Faenza vede Tom Vialle vittorioso davanti a Maxime Reanuz e Thomas Kjer Olsen, Settima posizione per il nostro Mattia Guadagnini, autore di un sesto posto in gara1 e di un ottavo in gara2.

La classifica del mondiale è a favore di Tom Vialle, leader con 307, contro i 286 di Jago Geetrs e i 236 di Maxime Renaux.

Chicho Lorenzo: “Pedrosa e Lorenzo vittime di Marc Marquez”