Il circuito di Faenza ha ospitato il terzo appuntamento consecutivo del mondiale di Motocross: dopo il Gran Premio d’Italia e il Gran Premio di Faenza, al tracciato di Monte Coralli è andato in scena il Gran Premio dell’Emilia Romagna, che ha sancito la vittoria numero 91 per Tony Cairoli, che con questo successo si proietta in vetta alla classifica iridata davanti a Tim Gajser.

Successo di KTM anche in MX2, con Tom Vialle che ha ottenuto la sua seconda vittoria consecutiva nella classe cadetta.

L'MXGP dell'Emilia Romagna è stato anche il primo Gran Premio ad accogliere un numero sia pur limitato di spettatori, che hanno sostenuto i piloti per tutta la giornata.

L'azione di gara si è conclusa con una speciale cerimonia di premiazione dopo il podio MXGP, con la "Madonna dei Campioni", precedentemente assegnata ad atleti di molte discipline sportive internazionali per i loro risultati. Sono stati Cairoli e Vialle a portare a casa opere d'arte in ceramica appositamente realizzate, tipiche della zona di Faenza.
 

MXGP: la prima a Prado


In Gara 1 di MXGP Jorge Prado ha siglato l’holeshot davanti al suo compagno di squadra in KTM Tony Cairoli e a Jeremy Seewer su Yamaha, con Calvin Vlaanderen e Alessandro Lupino quarto e quinto al primo giro. Tim Gajser su Honda si è poi spostato tra i primi quattro, ha cercato di superare Cairoli, ma non ha funzionato: i due si sono toccati e Gajser è finito a terra.

A 10 minuti più 2 giri dalla fine, il divario tra Prado e Seewer era di soli 5 decimi, poi Seewer ha commesso un errore mentre cercava di sorpassare Prado. Tornato velocemente in gara, ha perso però la seconda posizione, subito acciuffata da Cairoli Cairoli.

Prado ha conquistato così la sua prima vittoria in una gara, con Cairoli secondo e Seewer terzo.
 

Gajser in Gara 2


In gara due, Prado si è dimostrato ancora una volta molto veloce in partenza siglando un altro holeshot davanti a Evans Gautier Paulin e Gajser, che non ha perso tempo e si è portato in seconda posizione. Poi il pilota Honda ha attaccato anche Prado per il comando: ha fatto una mossa rischiosa, che però ha pagato, permettendogli di diventare il nuovo leader della corsa.

Prado ha quindi iniziato a subire la pressione di Cairoli e un giro dopo il siciliano ha superato lo spagnolo nello stesso punto dove lo aveva sorpassato Gajser. Seewer ha poi cercato di sopravanzare Prado per il terzo posto, ma Febvre lo ha aggirato ed è passato all’interno piazzandosi in quarta posizione e riuscendo anche a sopravanzare Prado, che ha reagito subito.

Ma non era ancora finita: Prado ha subito altri sorpassi. Febvre alla fine ha conquistato il terzo posto, ma anche Jeremy Seewer e Glenn Coldenhoff sono riusciti a prevalere su Prado.

Alla fine Gajser si è assicurato la vittoria di Gara 2 davanti a Cairoli e Febvre terzo.

Con due gare costanti, Antonio Cairoli è salito sul gradino più alto del podio ed è diventato anche il nuovo leader del campionato. Tim Gajser è arrivato secondo assoluto, con Jorge Prado terzo.

Cairoli ha ora un vantaggio di 7 punti su Gajser nella classifica del campionato MXGP, con Jeffrey Herlings della Red Bull KTM Factory Racing - assente per infortunio - ancora al terzo posto.

Geertes e Vialle in MX2


Nella gara di apertura della MX2, è stato Tom Vialle su KTM ad aggiudicarsi l’holeshot davanti a Jago Geerts su Yamaha. Al traguardo, però. Geerts si è imposto su Vialle, Olsen, Beaton e Mewse.

Nella seconda gara di MX2, è stato ancora una volta Tom Vialle a partire davanti, seguito da Ben Watson e Jago Geerts.
Vialle ha continuato a guidare la gara, stabilendo il giro più veloce verso le fasi finali e arrivando a girare con un costante vantaggio di quasi 7 secondi. Vialle ha vinto gara2 davanti a Geerts e Beaton.

Tom Vialle ha vinto anche il Gran Premio dell’Emilia Romagna, ottenendo la sua seconda vittoria consecutiva sulla pista Faenza, con Jago Geerts sul secondo gradino del podio e Jed Beaton al primo podio dell'anno per finire terzo assoluto. Vialle continua a guidare il campionato con 354 punti, con Geerts staccato di 21 punti e Renaux terzo a 95 lunghezze.

MXGP, Herlings: fuori per i prossimi 4 GP, lotta al titolo finita