Il Gran Premio di Lombardia, nono round del mondiale Motocross, si è disputato al Crossodromo Tazio Nuvolari di Mantova, su una pista particolarmente veloce ed insidiosa, dove Tony Cairoli ha concluso la prima manche con un bel terzo posto, ma in Gara 2 è incappato in una brutta caduta, dove ha rimediato la frattura del naso.

Il pluricampione del mondo ha comunque concluso la gara, piazzandosi quindicesimo, e chiudendo ottavo nella classifica del Gran Premio di Mantova. Un risultato che, purtroppo non gli permette di mantenere la vetta della classifica iridata, che passa nelle mani di Tim Gajser, anche se per soli 5 punti, mentre il compagno di squadra di Cairoli, Jeffrey Herlings, rimane assente per infortunio.

Il podio in Gara 1


Tony Cairoli si è classificato con il tredicesimo tempo durante la sessione di prove cronometrate, è riuscito a trovare un ottimo spunto al via di gara1, passando quarto alla prima curva e conquistando velocemente la terza posizione, mantenuta fino al traguardo, con una gara accorta, disputata a ritmi molto elevati.

"La giornata di era iniziata bene ed ero contento del terzo posto in Gara 1 perché la pista era piuttosto difficile ed è stato positivo prendere questi punti”, ha detto Tony Cairoli.

Le difficoltà di Gara 2


Il pilota siciliano è scattato nuovamente bene al via di Gara 2, ma è rimasto invischiato in numerosi contatti nelle prime curve che gli hanno fatto perdere qualche posizione, fino al contatto con un avversario che lo ha fatto cadere. 

Ripartito nelle retrovie Cairoli ha messo in scena una furiosa rimonta che lo ha visto passare sul traguardo del primo giro fuori dai venti.

“La mia partenza non è stata male anche nella seconda manche ma mentre lottavo con alcuni piloti per recuperare posizioni, ho toccato la ruota di un altro e sono caduto. Ho dovuto rimontare dal fondo e usare anche la Goggle Lane per cambiare la maschera perché il mio roll-off era finito.

“Mi sentivo alla grande e stavo spingendo quando sono incappato in un'altra caduta nella prima salita, sbattendo la faccia abbastanza duramente e anche se non stavo bene, ho comunque voluto continuare per prendere un po’ di punti”, aggiunge Cairoli, che ha stoicamente terminato la manche al quindicesimo posto, nonostante il dolore e la copiosa emorragia al naso, profondamente danneggiato nella caduta.

Ovviamente non è il risultato a cui puntavamo e dobbiamo evitare errori ma anche se mi sono rotto il naso poteva andare peggio. Non abbiamo mantenuto la tabella rossa, ma mercoledì saremo pronti per ricominciare a lottare e tentare di salire di nuovo sul podio”.

Per la cronaca, a vincere il GP è stato Jeremy Seewer, che ha preceduto Glenn Coldenhoff e Jorge Prado, con Tim Gajser in quarta posizione.

Il prossimo appuntamento con la MXGP sarà infatti il 30 settembre per il Gran Premio della Città di Mantova.

MotoGP, "suicidio" Ducati a Barcellona, ne approfitta Quartararo