Il terzo appuntamento consecutivo sul circuito sabbioso di Lommel non ha portato fortuna a Tony Cairoli, che ha concluso quinto di giornata dopo un terzo e un decimo posto nelle due manche.

"Sono deluso dalla mia guida"


“Direi che non è stata una settimana molto soddisfacente questa di Lommel. Sono deluso dalla mia guida e abbiamo buttato via la possibilità di lottare per il campionato”, ha aggiunto il nove volte iridato.

Il Gran Premio delle Fiandre, primo dei tre appuntamenti, infatti, due domeniche fa, ha visto Cairoli concludere al nono posto di giornata, con un tredicesimo posto in gara1 e un sesto e in gara2; nel Gran Premio di Limburgo, mercoledì scorso, Cairoli si è piazzato terzo assoluto, con un quinto e un secondo posto, ma in questo terzo appuntamento, il GP della Fiandre, la quinta posizione assoluta lo taglia quasi del tutto fuori dai giochi di campionato.

“E' stata una brutta giornata: le due cadute nella seconda manche non hanno aiutato e nella prima manche non avevamo la velocità per stare con i ragazzi là davanti”, ha detto Cairoli.

La rimonta di Gara 2


Secondo nella sessione di prove libere del mattino, su una pista allagata dalle abbondanti precipitazioni notturne, il siciliano pluricampione del mondo ha chiuso le successive prove cronometrate in in ottava posizione, centrando un buon cancello per la partenza.

Scattato bene sotto la pioggia al via della prima manche, il pilota del team KTM Red Bull Factory Racing ha condotto una gara attenta, terminando terzo al termine di sedici giri.

Al via della seconda manche Cairoli è scattato nuovamente bene ma è caduto sul primo salto dopo la partenza, ripartendo ultimo, e anche molto attardato a causa della posizione della moto dopo la caduta. In sei giri, con la sua KTM 450 SX-F, Tony è rimontato fino alla quattordicesima posizione quando è incappato in una seconda scivolata. Ripartito sedicesimo, più determinato che mai, è passato decimo sotto la bandiera a scacchi, dopo aver recuperato altre sei posizioni.

Ora dobbiamo riorganizzarci e andare in Italia con meno pressione, goderci la guida e finire questa stagione nel migliore dei modi possibile”, ha concluso Cairoli.

Il 9 volte iridato si prepara ad affrontare la tripletta di gare sul circuito di Arco di Trento dal secondo posto della classifica di campionato, dove ha 55 punti di distacco dalla Honda di Tim Gajser.

Il Covid-19 non fa sconti: Prado positivo, niente Lommel per Jorge