Inizia subito all’attacco il Mondiale del Campione in carica Gajser. Lo sloveno, accreditato del secondo miglior tempo in prova scatta terzo, dietro a Prado e Cairoli, partiti in testa. Dopo tre curve il pilota HRC assesta la zampata decisiva e passa i due alfieri KTM nella salita che precede la pit lane, andando in fuga. Alle sue spalle Prado scivola e Cairoli passa secondo, mentre Febvre sgomita con Lupino scattato bene e si prende la terza posizione, davanti al viterbese. Herlings, scattato ottavo, rimonta con costanza fino a raggiungere la quinta posizione, mentre Monticelli è nono. 

Finale di manche intenso


Finale tutto da seguire, con Monticelli che cade e si ritira nel corso dell’undicesimo giro, Cairoli che commette una sbavatura e lascia passare Febvre durante il tredicesimo, mentre al diciassettesimo è la volta di Lupino che si arrende alla pressione di Herlings. Sotto la bandiera a scacchi Gajser è primo e precede Febvre, Cairoli, Herlings e Lupino, con Prado nono, dopo aver rimontato ben 11 posizioni. 

MX2 poco movimentata


In MX2 gara con pochi brividi e ancor meno sorpassi. Il Campione del Mondo Tom Vialle scatta davanti a tutti con la sua KTM e passa primo alla prima curva, precedendo Ruben Fernandez, Roan Van de Moosdijk e Mathys Boisrame. Non perfetto lo scatto di Mattia Guadagnini, partito quindicesimo, mentre Andrea Adamo curva diciottesimo. Al termine dei diciotto giri di gara l’ordine di arrivo dei primi quattro è lo stesso nel quale erano partiti, con Vialle che si aggiudica la prima manche del 2021, precedendo Fernandez, Van de Moosdijk, Boisrame e Hoffer. Nono Guadagnini dopo una buona rimonta su una pista particolarmente ostica per i sorpassi, quattordicesimo Adamo.