Jeffrey Herlings (KTM), spinto dal suo pubblico si aggiudica la prima manche con una prestazione da grande campione, nonostante la spalla sinistra dolorante per un incredibile incidente con Monticelli poche curve dopo il via.

Ivo, all’atterraggio di un salto finisce con la sua Kawasaki sul pilota KTM che solo per un miracolo riesce a rimanere in piedi, mentre il marchigiano, finito a terra, riparte ultimo. The Bullet scattato secondo al via, dietro l’autore dell’hole-shot, Romain Febvre (Kawasaki), perde solo due posizioni e attende il momento migliore per sferrare l’attacco decisivo, passando, uno dopo l’altro, prima Gajser, poi Febvre e in fine il connazionale Coldenhoff, in testa fino a pochi giri dalla fine.

Sul traguardo Herlings precede Coldenhoff, Febvre e Gajser, caduto poco dopo aver passato la bandiera a scacchi. 

Herlings prima del via di gara uno con Valentina Ragni, Team coordinator di KTM

Cairoli parte male, rimonta e scivola


Manche difficile per Antonio Cairoli, scattato male al via ma autore di una buona rimonta fino al settimo posto. Purtroppo Tony scivola nell’ultimo giro, mentre cerca di raggiungere il compagno di squadra Prado, più lento di lui nelle battute finali. Nella caduta il siciliano perde una posizione e termina ottavo. non bene gli altri italiani in gara, con Alessandro Lupino (KTM) quattordicesimo, Monticelli diciottesimo e Alberto Forato (GasGas) ventunesimo, ad un soffio dal primo punto iridato in MXGP. 

La classifica


MX2, Jago Geerts torna a vincere una manche


In MX2 gara da dimenticare per Mattia Guadagnini che parte male e una volta rimontato fino alla quindicesima posizione cade, ripartendo diciottesimo, spingendo fino alla fine, terminando quattordicesimo. Ad aggiudicarsi la prima manche è Jago Geerts (Yamaha) che torna al successo dopo un lungo digiuno e l’infortunio pre stagionale. Il vice campione del mondo 2020 della MX2 precede sotto la bandiera a scacchi l’australiano Jed Beaton (Husqvarna), autore di un'eccellente manche in rimonta e Roan Van De Moosdijk (Kawasaki).

Occasione sprecata per l'ex tabella rossa Ruben Fernandez (Honda) che cade mentre attaccava per la sesta posizione e riparte a risosso dei quindici, chiudendo decimo sul traguardo. Buon quindicesimo per Andrea Adamo (GasGas), mentre rimane fuori dai punti Gianluca Facchetti (Honda).  

La classifica