Se si volesse girare uno spot per promuovere la MXGP, basterebbe prendere alcuni spezzoni delle gare disputate da Antonio Cairoli (KTM) in questi giorni, metterci accanto alcune sequenze di giovani talentuosi come Tim Gajser (Honda) e Jorge Prado (KTM) e mixarle con qualche immagine di Herlings, per avere il miglior prodotto possibile. Era da tempo che non si vedevano gare di questo livello, con tutti e cinque i protagonisti del campionato in bagarre fino alla fine per le posizioni sul podio, a dare spettacolo, senza risparmiarsi nulla.

Cairoli in azione ad Afyon, gara uno è stata ancora una volta da cineteca @S.Taglioni

Gara uno: furia Cairoli, rimonta da sogno e secondo posto


Al via della prima manche a scattare davanti a tutti è Jorge Prado che centra l’hole-shot e si lancia in testa al gruppo, seguito Febvre, Herlings, autore della pole al mattino e Gajser, più attardato Cairoli, rallentato da una partenza non perfetta. Lo spagnolo dopo cinque giri esce di pista e picchia duro sull’asfalto, restando fermo a lungo, massaggiandosi la spalla dolorante e riparte ultimo attardato. Nel frattempo Febvre tenta l’allungo, seguito da Herlings e Gajser, mentre Cairoli si libera di Henry Jacobi (Honda), Pauls Jonass (GasGas) e Jeremy Seewer (Yamaha), finito a terra mentre era pressato dal siciliano. Il distacco dalla testa del nove volte campione del mondo si aggira sugli otto secondo ma lui ci crede e fa segnare giri veloci a raffica, recuperando terreno sui primi. A due giri dalla fine arriva l’aggancio di Cairoli coi primi; Febvre sotto pressione cede e incappa in una scivolata, Herlings si infila, Gajser ci prova ma deve fare i conti con Tony che lo passa all’interno e si lancia in caccia di Herlings, facendo segnare un giro veloce stratosferico. Jeffrey riesce comunque a tagliare il traguardo primo con soli quattro decimi di vantaggio sul rivale, incredibilmente secondo sotto la bandiera a scacchi.  

Alessandro Lupino oggi ancora nella top ten di entrambve le manches 

Gara due: Gajser super in fuga, Herlings si accontenta


In gara due nono hole-shot stagionale per Prado che anche se dolorante non fa errori e guida su Herlings, Gajser e Jonass, con Cairoli sempre ottavo al via. In un giro il siciliano conquista la quinta posizione e dopo due la quarta. Prado resiste in testa per nove tornate fin quando Gajser, a lungo in lotta con Herlings, non rompe gli indugi e attacca lo spagnolo, prendendo il comando. La marcia dello sloveno è irresistibile e con tre giri veloci consecutivi, il campione in carica mette al sicuro la vittoria parziale dagli attacchi di Herlings che tira i remi in barca e gestisce fino al traguardo, assicurandosi la quarta vittoria su quattro edizioni del Gran Premio di Turchia. Cairoli recupera terreno nella seconda parte della manche, facendosi sotto al compagno di squadra che passa nel corso del quindicesimo giro, conquistando la terza posizione che terrà fino al traguardo. Suo podio Herlings sale sul gradino più alto, con Gajser secondo e Cairoli terzo, quarto posto per Febvre e quinto per Jonass. 

Tim Gajser imprendibile una volta presa la testa della gara @mxgp

Forato e Lupino da sballo in Turchia


Giornata ottima per i nostri colori con l’eccezionale performance per Alberto Forato.  Ad Afyon il veneto in sella alla GasGas centra un sesto ed un settimo posto, portandosi a casa ben 29 punti e un sesto posto assoluto che gli va persino stretto. Ancora brillante Alessandro Lupino (KTM) che centra un settimo assoluto alle spalle del connazionale, con un nono ed un ottavo posto di manche. 

Miglior prestazione dell'anno per Alberto Forato, settimo assoluto ad Afyon

La classifica del nono round della MXGP 2021, il GP di Afyon

Balzo in avanti di Gajser in campionato


In campionato Gajser, nonostante non centri la vittoria, guadagna sul diretto inseguitore, Febvre, portando il suo vantaggio da 13 a 28 lunghezze, dando il primo vero allungo della stagione. Bene Cairoli che guadagna una posizione e si porta ad un solo punto da Febvre, mentre Herlings continua la sua rimonta, salendo al quarto posto a cinque punti dal siciliano. Giornata no per Prado che si ritrova quinto a 40 punti dalla vetta. Continua il bellissimo campionato di Alessandro Lupino, sempre nono e entra nella top 20 Forato, diciottesimo dopo nove Gran Premi. 

28 i punti di vantaggio per Gajser su Febvre, 15 dei quali guadagnati oggi