Riola Sardo ospiterà questo fine settimana il decimo round del Campionato del Mondo FIM di Motocross 2021. La pista sabbiosa, allestita tra le due a nord di Oristano è ben nota ai piloti della MXGP e della MX2 che da molti anni si vengono ad allenare proprio qui, prima di confrontarsi nel primo round degli Internazionali d’Italia, in quello che tradizionalmente è il primo appuntamento stagionale con le gare. Il tracciato, molto impegnativo a causa della sua natura sabbiosa, ospiterà anche i piloti della EMX65 e della EMX85 che torneranno a disputare l’europeo in tappa unica, dopo la cancellazione del campionato 2020. 

Prado al comando nella gara della MX1 degli INTMX 2021 davanto a Febvre @motorschoolriola

Lotta a cinque per la corona


In MXGP la magnifica lotta a cinque che vede il trio KTM, composto da Jorge Prado, Jeffrey Herlings e Antonio Cairoli, inseguire il fuggitivo Tim Gajser (Honda) assieme Romain Febvre (Kawasaki) ha già regalato gare straordinarie, in quella che è la più bella stagione degli ultimi anni. Riola è da sempre il regno di Cairoli, vincitore in passato di innumerevoli gare di aperture della stagione ma è anche terreno amico per Herlings, che qui non ha mai gareggiato ma che conosce comunque piuttosto bene e per Prado, vincitore quest’anno del primo round degli Internazionali. Solo 40 punti separano Prado da Gajser, quanti ne aveva di vantaggio Cairoli sullo sloveno nel 2019 e tutti sappiamo come è andata a finire ma questa volta tra il primo ed il quinto cin sono anche Herlings a 34, Cairoli a 29 e Febvre a 28. Pur restando il pilota HRC il favorito per il titolo, nessuno degli altri quattro può essere escluso a priori e la pressione continua a crescere gara dopo gara. In Sardegna Prado cercherà di recuperare i punti persi con la caduta in Turchia, mentre Herlings proverà ad allungare la striscia di vittorie, dopo le due conquistate ad Afyon. 

La classifica "corta" della MXGP con i cinque protagonisti divisi da 40 punti

Cairoli, otto Gran Premi per un sogno


Tony Cairoli, dopo aver annunciato il ritiro a fine anno ad inizio settimana, sarà libero da pressioni e più che felice di poter tornare a sfidare i suoi giovani rivali su una delle sue piste preferite. Ci sono ancora otto Gran Premi da qui alla fine della stagione per inseguore per l'ultima volta un sogno folle. Romain Febvre dovrà ritrovare lo smalto mostrato a Lommel, quando salì per l’ultima volta sul podio. Il francese, fresco di rinnovo con Kawasaki, ha buttato alle ortiche un podio sicuro a Afyon ma resta secondo in classifica generale. Riola sarà anche l’ennesimo banco di prova per i tre piloti Yamaha, Jeremy Seewer, Glenn Coldenhoff e Ben Watson che quest’anno non hanno ancora raggiunto con costanza i risultati sperati dopo le rispettive ottime prestazioni del 2020. Lo svizzero fatica a venir fuori dai problemi legati al virus Epstein Bar, mentre l’olandese non ha ancora trovato regolarità in sella alla sua nuova 450. Attesa per Alessandro Lupino e Alberto Forato, autori in Turchia di gare magnifiche e chiamati a fare bene nel Gran Premio di casa. 

Cairoli il giorno dell'annuncio a Roma, con lui la famiglia,e i vertici KTM @Ray Archer

Renaux in fuga in MX2


In MX2 la situazione è molto diversa, nessuno sembra davvero in grado di contrastare il dominio di Maxime Renaux, ormai in fuga solitaria da qualche gara. Il francese sta allungando in classifica e il suo diretto inseguitore, Mattia Guadagnini (KTM), pur disputando una stagione di esordio egregia, fatica a tenere il passo del ben più esperto rivale. Il vice Campione del Mondo Jago Geerts non sembra invece avere la costanza per poter rimontare facilmente i 71 punti che lo dividono dal compagno di Renaux, mentre Tom Vialle, pur avendo ritrovato la forma migliore, si trova a ben 134 lunghezze e già raggiungere il podio finale di campionato sarebbe un piccolo miracolo. Attesa anche per Andrea Adamo, reduce da ottime prestazioni in Turchia, protagonista di un m omento particolarmente felice.

La classifica della MX2 dopo nove round