1 di 3

Il secondo degli otto round consecutivi che concluderanno la stagione 2021 della MXGP, si terrà questo fine settimana a Lacapelle Marival, su una pista che per la prima volta ospiterà la classe regina del Mondiale Motocross, dopo aver organizzato una tappa del Mondiale MX3 nel lontano 2003.

Il tracciato, familiare a molti piloti di MX2 e MXGP, per via della gara pre stagionale che da diversi anni si tiene da queste parti, è piuttosto duro e stretto ma abbastanza tecnico. Alcuni piloti non vi hanno corso mai, come nel caso di Antonio Cairoli (KTM), altri ci hanno corso ma molto tempo fa, come Gajser, in gara qui con la piccola 85cc nel 2009, anno in cui vinse il titolo della categoria, contestualmente al primo iride del siciliano in MX1.

La pit lane di Lacapelle, le previsioni meteo danno bel tempo per il fine settimana  

Una poltrona per tre


In MXGP il duello riprende con i tre candidati al titolo in lotta per spartirsi le posizioni sul podio: Tim Gajser (Honda), che il Germania è stato lesto ad approfittare dello scontro Prado-Herlings, vincendo e riconquistando la tabella rossa con un terzo ed un primo posto, dovrà difendere l’esiguo margine di due punti di vantaggio su Jeffrey Herlings (KTM) e di otto sul padrone di casa Romain Febvre (Kawasaki). Gajser sembra del tutto ristabilito dopo l’intervento alla clavicola che lo aveva messo in difficoltà in Sardegna, mentre Herlings, leggermente in difficoltà nella seconda frazione tedesca, dopo la gran botta data all’arrivo della prima, avrà avuto il tempo di rimettersi.

Un po' old style con curve strette, contropendenze e terreno duro, ecco Lacapelle Marival

1 di 3