MXGP, Cairoli: “Un orgoglio essere ricevuto dal Presidente”

“Oltre a lavorare e testare la moto ufficiale KTM non ho ancora deciso cosa fare” ha detto il siciliano ai nostri microfoni all’uscita dal Palazzo del Quirinale dopo l’incontro con il Capo dello Stato Sergio Mattarella

9 dicembre

Nel pomeriggio di ieri Tony Cairoli è stato ricevuto al Quirinale insieme agli altri atleti del motociclismo italiano, che si sono distinti in questa stagione. Per il 9 volte campione di MXGP quello con il Presidente Mattarella è stato un incontro speciale, come ammesso dallo stesso Tony ai nostri microfoni all’uscita, quando ci ha raccontato di aver potuto scambiare due battute in dialetto con il Presidente, molto informato sulla stagione del fenomeno di Patti.

Cairoli: “La nuova vita? Non ho ancora capito bene cosa è successo”


La visita è stata una grande emozione, sempre bello ricevere certi premi - Ci ha detto Tony dopo l'incontro con il Presidente Mattarella -. Dopo aver difeso per tanti anni la bandiera italiana e portata tante volte sul gradino più alto, fa piacere che il massimo esponente italiano ci abbia concesso questo saluto, è un giorno da ricordare. La nuova vita? Non ho ancora capito bene quello che è successo, quando ricomincerà il campionato sarò più certo della scelta fatta.” 

Orgoglioso di avere un presidente siciliano, abbiamo scambiato due-tre battute in dialetto. Era molto informato, mi ha stupito davvero per come mi ha seguito, un orgoglio”, ha aggiunto Cairoli, che ci ha raccontato anche cosa si è detto con Valentino Rossi, pensionato di lusso della MotoGP.

“Ci siamo parlati, lui mi ha parlato di corse in auto, ha già un calendario impegnato. Io non ho ancora deciso, oltre a lavorare e testare la moto ufficiale KTM, a livello di gare non è ancora chiaro cosa farò.”

Cairoli scherza e si candida a prossimo Presidente della Repubblica


Impressionato dall’incontro con Mattarella, Cairoli ha deciso di "continuare la dinastia dei siciliani" candidandosi scherzosamente a prossimo Presidente della Repubblica. “Un grazie speciale a Sergio per avermi lasciato lo scettro di questo paese - ha scritto sui social -. Tante saranno le responsabilità, come la voglia di continuare a rappresentare questa bellissima nazione. Scherzi a parte un onore oggi essere ricevuto insieme a tantissimi altri campioni delle 2 ruote al Quirinale dal capo dello stato Sergio Mattarella.”

MXGP, Cairoli: "2022? Farò sicuramente qualcosa"

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi