MXGP: il ritorno del numero 1

MXGP: il ritorno del numero 1© Instagram

Il Campione del Mondo della MXGP ha scelto il numero col quale disputerà il prossimo mondiale e dopo tanti anni al cancello di partenza sulla sua KTM non ci sarà più l’84 sostituito dall'1. Abbiamo chiesto a Michael Pichon, ultimo ad usare questo numero, cosa ne pensa della scelta dell'olandese

5 giorni fa

Erano 20 anni che nella classe regina del Mondiale di Motocross non si vedeva il numero 1 schierato al cancello di partenza, l’ultimo ad usarlo fu Michael Pichon, Campione del Mondo nel 2002 e iscritto l’anno successivo con il numero 1 sulla sua Suzuki “Corona” ufficiale gestita dal team di Sylvain Geboers. Il numero 1 però non gli portò molta fortuna visto che l’eroe francese dei due mondi, titolato sia negli Stati Uniti che in Europa, si fece male durante la stagione e fu in seguito lasciato a piedi dalla Suzuki. Jeffrey Herlings, “provocato” sui social ha giocato a lungo in queste settimane sul numero che avrebbe usato nella prossima stagione e ora ha finalmente sciolto le riserve, pubblicando un post e annunciando il passaggio al mitico numero 1.

Herlings a Mantova con il numero 1 appena conquistato @MXGP

Herlings: "Non ho mai avuto le palle per farlo"


L’olandese ha accompagnato la foto che lo ritrae con il nuovo numero con queste parole: “Dopo 5 campionati del mondo, nel 2022 correrò finalmente col grande numero 1. Non ho mai avuto le palle per farlo, ma chissà, a questo punto della mia carriera potrebbe essere l'ultima possibilità per poterci correre, quindi voglio cogliere l'occasione mentre è lì. È un piccolo cambiamento per tutti dopo tutti quegli anni con #84, ma sono super entusiasta di farlo. E dopo il numero 1 tornerò sicuramente al numero 84 poiché il numero 84 sono io.”

Il numero 1 "indossato" da Herlings nel 2018 a Imola per celebrare la conquista del titolo @ktm

Pichon: “Trovo che la scelta di Herlings di usare il numero uno sia giusta"


Visto il simbolico passaggio di consegne abbiamo raggiunto al telefono l’ultimo che ha vestito il numero 1 in gara nella classe regina che ha manifestato tutta la sua approvazione per la scelta dell’olandese: “Trovo che la scelta di Herlings di usare il numero uno sia giusta, io non sono troppo per i numeri che i piloti scelgono di usare per business. Sai, quando ero piccolo e andavo a vedere le gare della 500 o della 250, i top rider usavano i numeri della classifica finale della stagione precedente e da tifoso devo dire che aiutava molto a capire i valori in campo. Io ero un ragazzino, vedevo correre Malherbe, Thorpe o Geboers e quando vedevi passare l’1, il 2, il 3 o il quattro, sapevi quanto era stato forte quel pilota e di anno in anno capivi se stava migliorando o se regrediva. Lo trovavo interessante e mi piaceva il fatto che creasse una naturale gerarchia tra i piloti. Trovo che i numeri di oggi dicano poco, a parte per qualche numero particolare, quando sono simbolici, come nel caso di Gajser. Io comunque sono sempre per l’uso dell’1 e spero che porti fortuna a Herlings quest’anno.

La Suzuki RM 250 di Pichon con il numero 1 in bella vista

Pichon: "io usai il 2 da vicecampione, l’1 da Campione nel 2002 e nel 2003"


Mai troppo diplomatico il pilota di Le Mans ha anche aggiunto: “Per quello che mi riguarda devo dire che cambiavamo spesso numero, all'inizio non li sceglievamo, io usai il 2 da vicecampione, l’1 da Campione nel 2002 e nel 2003 e trovo che non fosse affatto male. Penso che Herlings abbia fatto questa scelta perché è molto fiero del titolo vinto l’anno scorso e ne ha tutto il diritto. Ha vinto in modo rocambolesco, senza ottenere solo successi e ha fatto di tutto per vincere questo titolo; certo, devo dire che avrei preferito fosse stato Cairoli a vincere, portando a casa il decimo, chiudendo con un acuto ma Antonio non ha certo demeritato e ha avuto una carriera splendida.” Vedremo a fine stagione se la scelta fatta porterà fortuna a Herlings e se sarà, proprio come Pichon fece nel 2002, anche il primo pilota dopo vent’anni a vincere avendo il numero uno già sulla tabella della sua moto.

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi