Terzo trionfo per Ricky Brabec al Sonora Rally: il pilota del team Monster Energy Honda ha conquistato la vittoria davanti ai connazionali Skyler Howes e Bill Conger, con 50 secondi di vantaggio dopo cinque giorni di estenuante competizione nel deserto messicano di Sonora al confine con gli Stati Uniti. Per Brabec questa è la seconda vittoria consecutiva al Sonora Rally, che aveva già vinto anche nel 2017.

Una gara in salita


La gara si è dipanata su 1.358 km, dei quali 1.078 di speciali cronometrate, alcuni su terreni simili alla Dakar, quando si svolgeva in Sud America: fondi duri e veloci alternati a sabbia, dune e pietre. Ricky Brabec ha conquistato quattro delle cinque tappe ed è persino riuscito a rifarsi di una penalità di 13 minuti che gli era stata comminata dopo la prima tappa. Non è stata una vittoria facile, perché l’americano ha affrontato l’ultima tappa con un distacco di un minuto dal suoi primo rivale, Skyler Howes.

In stile Dakar


“All’inizio della stagione non vedo l'ora che arrivi il Sonora Rally in Messico. È l'unico rally in Nord America che simula un raid in stile Dakar”, ha commentato Brabec. “Ha tutti gli ingredienti; piste veloci, montagne e dune. Quest'anno l'organizzazione ha tracciato un percorso che ci ha portato a vedere nuovi luoghi e nuovi volti.

"Dopo la penalità del primo giorno, ho dovuto recuperare per tornare fino in cima, giorno dopo giorno. Nell’ultima speciale dovevo di recuperare più di un minuto e avevo solo 142 km per farlo. È stato un evento incredibile, ben organizzato e non vedo l’ora di tornare nel 2021”, dice Brabec.

Volevo anche esprimere le mie condoglianze a tutte le vittime del virus Covid-19. Per favore, state tutti al sicuro e mantenetevi in salute, così possiamo tornare presto alla normalità”, è la raccomandazione di Ricky Brabec.

Storie di Quarantena: come vivono la pandemia i motociciclisti