Novità in vista per la tredicesima edizione di Africa Eco Race, la maratona africana che si svolge nel mese di gennaio, con arrivo sulle rive del lago salato di Dakar. L’estenuante competizione, che lo scorso anno è stata vinta per la seconda volta consecutiva dal nostro Alessandro Botturi, cambierà percorso in vista dell’edizione 2021.

Il Marocco non è sicuro


L'organizzazione dell'Africa Eco Race fa sapere attraverso un comunicato ufficiale di aver lavorato su diversi scenari per l’itinerario della tredicesima edizione: considerata la crisi sanitaria e le restrizioni aumentate in questi ultimi giorni in Marocco, Jean Louis Schlesser e la sua équipe hanno preso la decisione di non attraversare il Marocco nel 2021 e di orientarsi invece su una formula inedita. La prossima edizione sarà Senegal-Mauritania-Senegal, partendo e arrivando a Dakar e ricalcando quindi quello che era lo spirito di Thierry Sabine, il fondatore dell’omonima gara che da qualche anno non si svolge, però, più nel Continente africano.

Il nuovo percorso


Dopo le verifiche amministrative e tecniche in un porto francese a dicembre, tutti i veicoli della carovana verranno imbarcati su un cargo diretto a Dakar. I partecipanti raggiungeranno la capitale senegalese di Dakar ad inizio gennaio 2021 per recuperare i propri mezzi e lanciarsi in questa grande avventura africana.

Dal 5 al 17 gennaio i partecipanti percorreranno nuove piste attraverso il Senegal e la Mauritania fino a concludere la loro gara sulle rive del Lago Rosa come da tradizione.

La gara sarà l'occasione per i concorrenti per scoprire una parte del Senegal che ancora pochi conoscono affrontando le famose piste in laterite fiancheggiate dagli enormi baobab. In Mauritania, i concorrenti dell'Africa Eco Race scopriranno paesaggi maestosi – in parte inediti - con piste a volte veloci e a volte fatte solo di dune e tanta sabbia. Poi si addentreranno nel cuore del deserto sahariano con le sue dune rosa, gialle o bianche e percorreranno i canyon tra altopiani piatti e oasi verdi nascoste in mezzo a rocce di arenaria nera.

MXGP, tanta Italia nel nuovo calendario 2020