Prima della giornata di pausa, i piloti della Dakar hanno affrontato una tappa, la sesta, caratterizzata dalla sabbia e da quasi 500 km di speciale. Ad avere la meglio è stato Ricky Brabec con la sua Honda, che firma così la vittoria per la seconda volta e si conferma sempre più leader nella generale.

Lo statunitense è seguito per solo un minuto e mezzo dal compagno di marca Joan Barreda che ha svolto la sua miglior prova finora e questo secondo posto gli permette di chiudere la top 5 nella classifica assoluta, dove ora paga quasi 33 minuti. In terza posizione è arrivato al traguardo Matthias Walkner, seguito da Pablo Quintanilla e Luciano Benavides. Tiene alta la Husqvarna nella generale il pilota cileno, secondo a 20 minuti da Brabec, mentre in questa tappa hanno perso tempo sia il campione in carica Toby Price, sia Kevin Benavides. L'australiano, vincitore della stage di ieri ha perso circa 16 minuti a causa di un problema alla sua KTM, mentre l’argentino ha visto sfumare i sogni di gloria a pochi chilometri dall’arrivo, causa la rottura del motore.

In sesta posizione ha chiuso José Ignacio Cornejo, che è ai piedi del podio nell’assoluta, ed è settimo Franco Caimi, l’argentino su cui Yamaha ripone le uniche speranze, dopo i ritiri prematuri di Adrien Van Beveren e Xavier De Soultrait, rispettivamente durante la terza e la quarta tappa. Da segnalare le ottime prestazioni dei due italiani del team Solarys: Maurizio Gerini ha completato la tappa in tredicesima posizione, seguito da Jacopo Cerutti, entrambi a loro agio e con buone sensazioni alla guida della Husqvarna. In quindicesima posizione la miglior donna finora, la spagnola Laia Sanz, a 22 minuti dal primo.