La Dakar è forse la gara più affascinante del mondo, ma continua ad essere estremamente pericolosa. Anche il ‘nuovo corso’ in Arabia Saudita conferma, purtroppo, questo tremendo trend. Questa mattina a perdere la vita è stato Paulo Gonçalves: e queste sono le notizie che non si vorrebbero mai scrivere.

Ad annunciare la scomparsa del forte pilota portoghese è lo stesso sito ufficiale degli organizzatori, con una nota, che vi riportiamo integralmente: "Paolo Gonçalves è morto dopo una caduta al km 276 della speciale oggi. Gli organizzatori hanno ricevuto un alert alle 10.08 e hanno mandato un elicottero medico che ha raggiunto il pilota alle 10.16, e lo ha trovato in stato di incoscienza dopo aver subito un arresto cardiaco. Inutili i tentativi di rianimarlo:  il pilota è stato portato in elicottero all'ospedale di Layla, dove è stato dichiarato morto".

Quaranta anni, Paulo Gonçalves stava prendendo parte alla sua 13a Dakar. Aveva debuttato nel 2006 e aveva concluso quattro volte nella top 10, arrivando secondo alle spalle di Marc Coma nel 2015. Campione del mondo di Cross Country nel 2013, Gonçalves, era al 46 ° posto assoluto dopo la tappa 6 di venerdì e oggi aveva ripreso la gara, come tutti, dopo il giorno di riposo.

Dal 1979, alla Dakar sono morte 71 persone: 29 piloti e 42 persone non in gara.