Dopo l’annullamento della tappa numero 8 nel rispetto di Paulo Goncalves, che ha perso tragicamente la vita durante la settima prova speciale, la Dakar è ricominciata per i motociclisti e nella tappa odierna si sono spostati da Wadi a Al-Dawasir affrontando 441 chilometri di speciale.

Ad arrivare per primo al traguardo è stato Pablo Quintanilla, alla guida della sua Husqvarna, che è stato fin da subito nelle posizioni che contano e che sul finale è riuscito ad avere quella spinta in più per assicurarsi la vittoria. Il cileno raccoglie così il suo primo successo in questa edizione davanti al campione in carica Toby Price, secondo a solo 1’54” di ritardo. Terzo posto per Joan Barreda, che nonostante una piccola caduta è riuscito a non perdere troppo tempo e ha chiuso a poco meno di tre minuti dal primo, inseguito da Ricky Brabec. L’americano si accontenta del quarto posto a 3’55” da Quintanilla e gestisce la situazione in classifica, dove mantiene la leadership con 20 minuti di vantaggio su Quintanilla.

La top 5 è conclusa da Ross Branch, seguito dalla coppia dei fratelli Benavides, con Kevin davanti a Luciano. Undicesimo Franco Caimi, miglior pilota Yamaha, mentre il primo italiano al traguardo è Jacopo Cerutti, ventunesimo e ora diciannovesimo nella classifica generale, dove ha superato il suo compagno di squadra Maurizio Gerini, ventitreesimo.

Domani i piloti affronteranno la tappa “marathon” e quindi dovranno fare molta attenzione poiché al bivacco non potranno avere alcuna assistenza meccanica.

La Dakar: la gara più pericolosa al mondo