623 km dei quali 277 di prova speciale, per la prima tappa della Dakar di quest’anno da Jeddah a Bisha. Di solito la prima tappa è la più “soft” dopo il prologo ma questa volta non è così: la tappa ha imposto ai piloti difficoltà di navigazione per via del posizionamento del percorso e per la natura della stage stessa, tutta sabbia dura e rocciosa. 

Priorità della tappa odierna la gestione della moto e soprattutto delle gomme vista la nuova regola introdotta quest’anno delle sole sei gomme posteriori per i top rider nell’arco della Dakar. Regola che ha fatto storcere il naso a parecchi piloti.

Dopo aver vinto il prologo di ieri, Brabec parte davanti a tutti per questa prima tappa, scattata alle 7.45 saudite. Alle 9.19 però il colpo di scena che non ti aspetti, ovvero il campione in carica in difficoltà. Perde 12 minuti dal connazionale Short mentre Barreda, partito dopo di lui, perde 8 minuti dal compagno di squadra. Squadrone Honda in grande difficoltà dopo l’inizio sfolgorante di ieri. A fine tappa Brabec perde 18’ dal leader Price.

Delle difficoltà di Honda ne approfitta tutto il team KTM con Toby Price in testa. L’australiano, dopo aver preso i primi 75 km di speciale con estrema calma per trovare la confidenza necessaria nella difficile prima tappa, al km 92 era già secondo ed al km 135 è passato in testa alla speciale imponendo poi il suo ritmo fino al traguardo di tappa. Price sarà apripista nella tappa di domani da Bisha a Wadi Ad-Dawasir di 685 km. 

A “salvare” la giornataccia del team Honda ci pensa l’argentino Kevin Benavides, secondo a 31” da Price. Gli altri piloti HRC in classifica, Cornejo Florimo, Barreda e Brabec sono rispettivamente 16°, 22° e 24°. 

Gran giornata invece per KTM che oltre a Price primo piazza Walkner sul podio ad 1” da Benavides e Sunderland in quarta posizione a 2’03” da Price.

E gli italiani? Della truppa partita per la missione Dakar 2021, il migliore di giornata è stato Maurizio Guerini, giunto in 37^ posizione con la Husqvarna FR450 del team Solarys Racing, 60° Franco Picco, 62° Cesare Zacchetti e 63° Tiziano Interno

Le parole del vincitore


Toby Price, al termine della prima Stage, ha detto: “Nel complesso la giornata è andata bene. La navigazione oggi è stata sicuramente complicata: era difficile trovare le piste e le valli giuste e sono riuscito a perdermi un po' negli ultimi chilometri fino al traguardo. A parte qualche altro piccolo errore, il resto della tappa è andato bene. Sono contento di come ho gestito la moto e le gomme perché con le nuove regole dobbiamo davvero stare attenti. Guardando avanti a tutta la gara, penso che ci saranno cambiamenti in classifica: il piano è cercare di rimanere coerenti e non perdere troppo tempo. Aprirò domani, quindi spero di non commettere troppi grandi errori e di poter mantenere questo slancio

Le classifiche


Classifica della Stage 1

1. Toby Price (AUS), KTM, 3:18:26
2. Kevin Benavides (ARG), Honda, 3:18:57 +0:31
3. Matthias Walkner (AUT), KTM, 3:18:58 +0:32
4. Sam Sunderland (GBR), KTM, 3:20:29 +2:03
5. Lorenzo Santolino (ESP), Sherco, 3:22:49 +4:23 

Classifica generale dopo la Stage 1

1. Toby Price (AUS), KTM, 3:43:58
2. Kevin Benavides (ARG), Honda, 3:44:21 +0:23
3. Matthias Walkner (AUT), KTM, 3:45:10 +1:12
4. Sam Sunderland (GBR), KTM, 3:48:09 +4:11
5. Lorenzo Santolino (ESP), Sherco, 3:48:57 +4:59

Dakar 2021: parte da Gedda la seconda edizione saudita