Presentata la Dakar 2022: tanta sabbia e un occhio al futuro

Presentata la Dakar 2022: tanta sabbia e un occhio al futuro

Svelato il percorso della 44esima edizione del rally raid più famoso del mondo, che si svolgerà dal 2 al 14 gennaio 

Presente in

La Dakar 2022 si è svolgerà, per il terzo anno di fila, interamente in Arabia Saudita. È quanto svelato dagli organizzatori pochi giorni fa, a soli 4 mesi dal termine dell'edizione 2021.

Quella (s)volta che: la Superlega dell'Enduro

La regina è la sabbia


Il vestito non cambia, ma la pelle sì: la gara, che avrà inizio nel giorno 1 gennaio 2022, avrà un percorso differente per l'85% rispetto al passato. Si partirà dalla città di Ha'il con il prologo che stabilirà l'ordine di partenza della tappa del 2 gennaio, per terminare il 14 gennaio a Jeddah.

Il percorso dell'edizione numero 44 sì snoderà vicino al Golfo Persico prima di entrare nell'Empty Quarter, il Quartiere Vuoto costituito da un deserto di sabbia. Saranno ben tre le tappe caratterizzate completamente da sabbia e dune.

Novità regolamentari


È una Dakar che apre sempre più al futuro: l'edizione 2022 segnerà il punto di partenza del piano per ospitare entro il 2030 autovetture alimentate esclusivamente da energie alternative. La scomparsa dei motori a combustione avverrà secondo un calendario progressivo che dipenderà agli sviluppi tecnologici. Verrà introdotta la categoria T1-E per prototipi a basse emissioni.

Il Road book elettronico sarà esteso a tutte le categorie: auto, Ssv, camion e disponibile anche per le moto nella categoria Elite.

Confermata la categoria Classic, per la quale si attengono il triplo delle iscrizioni (20 l'anno scorso).

Iscrizioni aperte dal 17 maggio.

 

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi