Dakar, Howes al settimo cielo: “Un onore salire sul podio con due leggende”

Dakar, Howes al settimo cielo: “Un onore salire sul podio con due leggende”© Husqvarna Factory Racing

Il pilota ufficiale Husqvarna è diventato il quinto statunitense a chiudere nelle prime tre posizioni: “Chiudere a due minuti dal vincitore dopo oltre 40 ore di gara è qualcosa di pazzesco”

16 gennaio 2023

Quella da poco conclusa con la vittoria dell'argentino Kevin Benavides, è stata la Dakar della consacrazione anche e soprattutto per Skyler Howes. Il pilota staunitense, portacolori del team ufficiale Husqvarna, ha infatti chiuso al terzo posto della classifica assoluta a circa due minuti di ritardo dal vincitore, salendo sul podio insieme a due “mostri sacri” dei Rally Raid come lo stesso Banivdes e Toby Price, entrambi già due volte vincitori della corsa più dura al mondo nel corso della loro trionfale carriera.

Howes è così diventato il quinto pilota statunitense della storia a chiudere nelle prime tre posizioni una Dakar in moto, inserendosi di diritto tra i migliori di questa disciplina e puntando senza mezzi termini al mondiale W2RC di quest'anno. Un risultato incredibile se si pensa che, fino a due anni fa, Skyler era un pilota privato, che si è messo in luce a suon di buone prestazioni ottenendo l'opportunità di una vita grazie a Husqvarna.

Dakar, due trionfi in tre anni per Benavides: "Ho pensato solo a dare gas"

Howes: “Le difficoltà hanno reso questo risultato ancora più bello”


Sono semplicemente felicissimo”, ha detto Howes dopo aver concluso la Dakar 2023. “E' stata una gara incredibile, ricca di alti e bassi e incerta fino all'ultimo giorno. Sapevo che i miei diretti avversari avrebbero spinto al massimo nell'ultima speciale ed è pazzesco pensare di aver chiuso a due minuti dalla prima posizione dopo due settimane e oltre quaranta ore di gara”.

Sono arrivato al traguardo in sicurezza, è andato tutto bene e ora, condividere il podio con due leggende della Dakar come Kevin Benavides e Toby Price è un onore, un sogno che diventa realtà. E' stato difficilissimo arrivare fino a questo punto, ma le difficoltà e il duro lavoro hanno reso questo risultato ancora più bello e speciale. Ora però non voglio fermarmi e sono ancora più fiducioso in vista dei prossimi round del mondiale”, conclude Skyler, più carico che mai.

Il prossimo appuntamento del Rally Raid World Championship sarà l'Abu Dhabi Desert Challenge, in programma dal 26 febbraio al 3 marzo.

SBK, Ruben Xaus: "Il peso minimo? meglio un campionato con gli scarti"

  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi