Cooper Webb si è abbonato alla ‘vittoria del mercoledì’: da quando – per recuperare il periodo di lockdown per il COVID-19 – il campionato AMA Supercross ha introdotto le gare infrasettimanali, Cooper Webb si è aggiudicato tutte le vittorie – tre consecutive - del mercoledì sera. Tutte le gare dopo il lockdown si stanno disputando sulla pista di Salt Lake City, nello Utah, per consentire di disputare due round a settimana.

Ieri sera i piloti hanno affrontato il round numero 16 e il penultimo della stagione. Con la quarta vittoria del 2020, sabato scorso, Roczen si era avvicinato alla vetta della classifica con la sua Honda  ma questa volta Eli Tomac è partito con il coltello fra i denti.

Webb in 450 SX


Cooper Webb, in sella alla KTM, è passato al comando davanti alla Husqvarna di Zach Osborne quando mancavano poco più di 3 minuti alla fine. Anche Eli Tomac, su Kawasaki, ne ha approfittato per passare Osborne, acciuffando così un secondo posto che vale oro, perché gli consente di fare quasi matematicamente suo il primo titolo nell’AMA Supercross 450. Tomac ha infatti un vantaggio 22 punti su Webb, che gli consente di affrontare con relativa tranquillità la finale del campionato della serie americana.

Osborne si è piazzato terzo, precedendo la Honda di Ken Roczen e la Husqvarna di Jason Anderson.

Sexton in 250SX


Nella classe 250 Costa Est, Chase Sexton su Honda (nella foto) ha messo a segno la sua quarta vittoria stagionale, guidando la gara per gli ultimi 18 giri dopo aver sorpassato la Yamaha Shane McElrath, in testa per le prime quattro tornate. Colt Nichols, anche lui su Yamaha si è piazzato terzo, cogliendo il suo terzo podio consecutivo.
Sexton è il leader del campionato costa Est con un vantaggio di 3 punti su McElrath.

La stagione 2020 si concluderà domenica prossima, sempre allo stadio Rice-Eccles di Salt Lake City, nello Utah. Ci saranno due main event: uno per la classe 450 e l’attesa sfida della classe 250 che combinerà i migliori della Costa Est e della Costa Ovest.

MXGP, cambia il calendario: Cina cancellata, slitta la Russia