Con un incredibile colpo di coda sul finale, con sette gare in un mese, l'AMA Supercross è riuscita a concludere la stagione 2020 nonostante le restrizioni causate dal coronavirus. A trionfare, in questo anno funambolo, è stato Eli Tomac in sella alla Kawasaki. Dopo quattro anni di duro lavoro il pilota di Durango (Colorado) è riuscito finalmente ad ottenere il titolo. Con la gara andata in scena domenica a Salt Lake City, sono stati assegnati anche i titoli del Campionato 250 della costa West e East. Per la parte ovest a vincere è stato Dylan Ferrandis mentre per la parte est Chase Sexton.

I risultati della gara 450SX


La gara di domenica, in realtà, ha fatto registrare un podio davvero insolito con tre piloti che in questa stagione non erano stati di certo tra i protagonisti.

A salire sul gradino più alto, per la prima volta in carriera, è stato Zach Osborne in sella alla Husqvarna, seguito al secondo posto da Jason Anderson e al terzo da Dean Wilson. Tutti e tre con Husqvarna, fatto mai accaduto prima per la casa svedese in Supercross.

Tomac è invece riuscito a conquistare il quinto posto ma ciò non gli ha impedito di vincere il titolo con un vantaggio di 25 punti su Cooper Webb che nella gara di domenica è arrivato soltanto ottavo.

Al terzo posto della classifica generale, un altro protagonista di questa stagione 2020 Ken Roczen che è riuscito a concludere a soli 5 punti da Webb (359 contro 354).

“Finalmente è un sogno che diventa realtà - ha commentato la vittoria iridata Tomac attraverso le pagine social -. A tutti i fans del Supercross che non hanno potuto essere presenti dico che ci siete mancati tantissimo a gridare dietro alle nostre spalle”.

Il ritiro di Chad Reed


Quest'ultima gara del 2020 è stata anche l'ultima per il pilota americano Chad Reed che già ad inizio anno aveva annunciato che questa sarebbe stata la sua ultima stagione nel mondo dell'AMA Supercross.
All'età di 38 anni e con venti stagioni a livello mondiale, l'americano ha chiuso la sua carriera in Supercross con una sedicesima posizione in classifica generale.

“Grazie a tutti i tifosi! - ha scritto Chad su Facebook - Ognuno di voi mi ha sostenuto durante la mia carriera e mi ha spinto a continuare e a dare il massimo”.

Dato che le ultime sette gare sono state fatte a porte chiuse e quindi senza pubblico, sembra che nella prima gara della prossima stagione 2021 Reed possa ripresentarsi in pista soltanto per omaggiare i suoi fans di un ultimo saluto.

MXGP, cambia il calendario: Cina cancellata, slitta la Russia