Il mondiale Trial si prepara a tornare in scena con il quarto round della stagione: un doppio appuntamento, che si svolgerà in Italia, a Lazzate, nel weekend del 10 e 11 ottobre.

Vincendo le difficoltà dovute alle restrizioni conseguenti alla situazione sanitaria, il club Lazzate è già alacremente al lavoro per organizzare al meglio le due giornate di gara, che saranno valide come sfida conclusive del campionato del mondo.

Un tour de force


Un rush davvero serrato quello che stanno affrontando i piloti del mondiale Trial, che dopo svariati cambiamenti per la pandemia di Coronavirus ha debuttato in Francia, e più precisamente nella località sciistica delle Alpi Marittime Isola 2000, nel weekend del 5 e 6 settembre; poi è approdato in Spagna, il 12 e 13 settembre a Pobladura de las Regueras, e infine la gara di Andorra St Julia del 19 e 20 settembre.

La classifica


Dopo i primi tre round in testa al campionato con 112 punti c’è Toni Bou su Montesa di Repsol Honda Team, vincitore di 26 titoli individuali consecutivi tra outdoor e indoor dal 2007, oltre a 12 titoli con la nazionale spagnola nel Trial delle Nazioni.

Al suo seguito a quota 102 punti c’è Adam Raga su TRRS, sei volte vincitore del mondiale individuale - dal 2003 al 2006 -, e sette volte iridato sempre con la squadra spagnola nel Trial delle Nazioni. Al terzo posto il giovane spagnolo Jaime Busto (Vertigo), a quota 81.

La gara è il diciottesimo mondiale (tra indoor, outdoor e trial delle Nazioni) organizzato dal Moto Club Lazzate e si svolgerà sul Campo Scuola Trial Battù “Cesarino Monti” della cittadina in provincia di Monza e Brianza.

Per la prima volta non sarà consentito l’accesso al pubblico per ragioni di restrizioni relative alla pandemia di Covid-19.

MotoGP, ufficiale: Bagnaia nel team factory Ducati nel 2021