Tra i giovani piloti italiani impegnati in campionati di alto livello c'è Mattia Volpi, appena quattordicenne, che dopo un biennio trascorso nella European Talent Cup in sella alla Honda del Sic58 Squadra Corse di Paolo Simoncelli, nel 2021 debutterà nel CEV Moto3 con il team AGR.

"Non è stata una stagione semplice"


Mattia, com'è andata la stagione 2020 nella ETC?

Non è stata una stagione semplice in quanto, a causa di un infortunio al piede nel mese di febbraio, non ho iniziato l'anno nel migliore dei modi. In realtà, poi, le prime gare in Portogallo ad Estoril e Portimao sono andate bene. A Jerez ho avuto più difficoltà a causa dell'assenza del mio capotecnico, risultato positivo al Covid, mentre ad Aragon e Valencia sono riuscito ad essere veloce nonostante non abbia raggiunto i risultati sperati”.

Parlando della Moto3, che cosa ti aspetti dalla tua stagione d'esordio?

So che sarà dura all'inizio, visto che la Moto3 è una moto molto diversa da quelle che ho guidato in precedenza. E' un vero e proprio mezzo da corsa e va davvero forte, perciò cercherò di adattarmi in fretta per poi puntare alla top ten entro la fine della stagione”.

CEV Moto3: Eddie O'Shea nuovo pilota del British Talent Team

"L'ambiente del CEV è molto professionale"


Com'è l'ambiente del CEV?

E' molto professionale e ti dà molta visibilità. Correre in questi campionati è una bella opportunità e il livello della competizione è davvero alto. Non vedo l'ora di esordire in Moto3, dove i tempi si avvicinano addirittura a quelli del mondiale”.

Come ti sei trovato con il team di Paolo Simoncelli?

E' un team fantastico. Mi hanno trattato bene e, anche se non abbiamo ottenuto ciò che ci eravamo prefissati, sono cresciuto tanto con loro. E' una squadra molto professionale che mi ha permesso di migliorare molto come pilota”.

Tra le piste su cui hai corso, qual è la tua preferita? E la più bella in assoluto?

Tra quelle su cui ho girato, la migliore è Portimao. E' un ottovolante, stancante e difficile ma molto divertente. Una pista in cui mi piacerebbe correre, invece, è Laguna Seca”.

Promesse Italiane: Roberto Jason Sarchi, il "Paperino" di San Donato