Da Pini a Vuono: il futuro del motociclismo tricolore è in buone mani

Da Pini a Vuono: il futuro del motociclismo tricolore è in buone mani© FIM JuniorGP/Luca Gorini

Nella stagione da poco conclusa, tanti giovanissimi talenti italiani si sono messi in luce a livello internazionale facendo parlare di sè: ecco di chi si tratta

Non è un segreto che il 2022 sia stato un anno davvero trionfale per i colori italiani, con Francesco Bagnaia e Andrea Verona campioni del Mondo in MotoGP e nell'Enduro (premiati con i Collari d'Oro del CONI) e Ducati “pigliatutto” tra i costruttori sia nel Motomondiale che nel Mondiale Superbike. A brillare, però, sono stati anche i giovanissimi talenti che si sono messi in mostra nelle serie riservate ai campioni del domani, tra cui spiccano Guido Pini

Abbonati per continuare a leggere

Questo è un contenuto riservato agli abbonati. Hai letto tutti gli articoli gratis del mese, non smettere di leggere e attiva l’offerta, tanti contenuti con un unico abbonamento.

Abbonati a € 0,99 € 2,99 al mese

Abbonati ora
  • Link copiato

Commenti

Leggi motosprint su tutti i tuoi dispositivi